Fognini si ferma ancora sul più bello a Wimbledon

Fabio Fognini (foto FIT/Tonelli)

Tra delusione e rimpianti, saluta i Championships anche Fabio Fognini, ultimo italiano in tabellone: ancora una volta il ligure non ha saputo oltrepassare la prima settimana di Wimbledon. Tante, troppe, le occasioni mancate dal 31enne di Arma di Taggia per accettare senza rimorsi la sconfitta contro il ceco Jiri Vesely, avversario sempre battuto nei tre precedenti. Invece, come era già successo in altre tre occasioni (2010, 2014 e 2017), la corsa del ligure si è arenata al terzo turno. Un sortilegio dal quale non riesce a liberarsi.

L’AZZURRO: “TROPPE OCCASIONI NON SFRUTTATE” – Dopo un primo set, deciso a favore di Vasely al tie-break, Fognini sembra trovare la chiave del gioco e si aggiudica la seconda frazione. Ma quando, nel terzo set, l’italiano spreca malamente diverse palle-break (alla fine del match saranno addirittura 14), l’inerzia della gara vira nuovamente, e cala il sipario sul torneo londinese di Fognini: 76(4) 36 63 62 il punteggio, in due ore e 53 minuti. “E’ difficile, anzi è proprio inutile commentare un simile match. Ho avuto le mie chance, tantissime, e non le ho sfruttate – lo sconforto di Fognini davanti a microfoni e taccuini -. Sono state davvero troppe, soprattutto su questa superficie. A questi livelli non te lo puoi proprio permettere. Se fallisci così tante occasioni poi paghi, non c’è niente da fare“. Un rammarico in più: avesse vinto, avrebbe eguagliare il suo best ranking (che ormai risale al 2014): n.13 al mondo. E nel contempo avrebbe raggiunto Corrado Barazzutti, per numero di partite vinte nell’era Open: 310.

Simona Halep, eliminata al 3° turno a Wimbledon

ECATOMBE DI FAVORITE NEL TORNEO FEMMINILE: FUORI ANCHE HALEP – Della compagine italiane all’All England Club, rimane dunque la sola Camila Giorgi, lunedì attesa dalla russa Ekaterina Makarova, n.35 del ranking mondiale. Tra le due non ci sono precedenti. Nel tabellone maschile, la prima settimana di Wimbledon si chiude senza sorprese: vincono, e convincono, tutti i big. Il torneo femminile invece registra anche la caduta della numero 1 al mondo Simona Halep, battuta dalla cinese Su-Wei Hsieh (36 64 75). L’ennesima sorpresa di una vera e propria moria di favorite: nove delle prime dieci sono già fuori (c’è solo Karolina Pliskova), solo 4 delle prime 16 sono sopravvissute.

TABELLONE SINGOLARE MASCHILE http://www.wimbledon.com/en_GB/scores/draws/2018_MS_draw.pdf

TABELLONE DOPPIO MASCHILE http://www.wimbledon.com/en_GB/scores/draws/2018_MD_draw.pdf

TABELLONE SINGOLARE FEMMINILE http://www.wimbledon.com/en_GB/scores/draws/2018_LS_draw.pdf

TABELLONE DOPPIO FEMMINILE http://www.wimbledon.com/en_GB/scores/draws/2018_LD_draw.pdf

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti