Campionato beach tennis Viserba: continua la fuga di Zammarchi-Guidi

Una giornata davvero interessante e ricca di sorprese quella andata in scena martedì nel campionato maschile di beach tennis organizzato dal Tennis Viserba. Nel girone “A” Zammarchi-Guidi non fanno sconti neppure al temibile duo formato da Amaduzzi-Volonghi. Alle loro spalle si insediano ora Mecozzi-Campedelli (nella foto).

Nel girone “B”, primo stop di Bertozzi-Crociati, tallonati ora ad una sola lunghezza da un trio formato da Urbini-Perazzini, Alvisi-Lazzarini e Aneti-Tiraferri, vere sorprese del campionato.

Ma vediamo nel dettaglio i risultati.

Girone A. Vittorie piene per 3-0 di Zammarchi-Guidi su Amaduzzi-Volonghi e Mecozzi-Campedelli su Grassi-Galli, mentre di misura per 2-1 sono i successi di Rinaldi-Paci su Cimatti-Lombini, Cataldo-Stacchini su Galassi-Zamagna e Antonelli-Urbinati su Filippi-Pari.

Classifica: Zammarchi-Guidi 15, Mecozzi-Campedelli 12, Amaduzzi-Volonghi, Rinaldi-Paci, Cataldo-Stacchini 10, Galassi-Zamagna 9, Cimatti-Lombini, Antonelli-Urbinati 6, Grassi-Galli 5, Filippi-Pari 4.

Girone B. Vittorie piene per 3-0 di Aneti-Tiraferri su Filippini-Bevitori, Lazzarini-Alvisi (sost. Morosato) su Bonacorsi-Bugli e Zoli-Amati su Savini-Torroni, mentre di misura per 2-1 sono i successi di Urbini-Perazzini su Bertozzi-Crociati, Angeli-Said su Greco-Fabbri, Agostini-Leardini su Cerliani-Bernardi, Frisoni-Cavaldoro su Broccoli-Gessaroli e Zannoni-Bazzocchi su Esposito-Gambuti.

Classifica: Bertozzi-Crociati 13, Urbini-Perazzini, Aneti-Tiraferri, Lazzarini-Alvisi 12, Greco-Fabbri, Zoli-Amati 9, Filippini-Bevitori, Esposito-Gambuti, Angeli-Said, Frisoni-Cavaldoro, Agostini-Leardini 8, Cerliani-Bernardi 7, Zannoni-Bazzocchi 6, Savini-Torroni, Bonacorsi-Bugli 5, Broccoli-Gessaroli 2.

Martedì è in programma la settima giornata.

Beach Tennis: 26 coppie in campo nel campionato a Viserba – FOTOGALLERY

 

 

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti