Federico Gaio

Challenger Parma: Federico Gaio centra i quarti, semifinale in doppio per Dalla Valle

Giornata positiva, quella di giovedì 20 giugno, per i giocatori romagnoli negli “Internazionali Emilia Romagna-Goldbet Tennis Cup”, Challenger Atp in corso sui campi del Tc President di Parma (46.600 euro, terra). Federico Gaio ha infatti centrato l’ingresso nei quarti di finale, mentre in doppio Enrico Dalla Valle ha raggiunto le semifinali.
 
PER GAIO DERBY CON TRAVAGLIA CHE VALE LA SEMIFINALE – Il 26enne di Faenza, numero 200 della classifica mondiale e sesta testa di serie, dopo aver esordito al secondo turno superando per 64 67(5) 64 Alessandro Bega (n.351 Atp), ha fatto suo un altro derby tricolore, con il 64 64 inflitto n poco più di un’ora e un quarto di gioco a Gianluigi Quinzi (n.252 Atp), nona testa di serie. Venerdì altra sfida tutta italiana (anzi, fra ex compagni nel team di serie A del Circolo Tennis Massa Lombarda) per Gaio, che si giocherà un posto in semifinale con Stefano Travaglia (n.103 Atp), quarto favorito del tabellone, che a sua volta si è imposto in rimonta (36 62 60) su Andrea Pellegrino (n.356 Atp).
 

‘STETO’ VEDE LA TOP 100: “VAGNOZZI CREDE TOTALMENTE IN ME” – “All’inizio dell’incontro lui giocava con estrema solidità ed io non riuscivo a metterlo in difficoltà – riconosce ‘Steto’ analizzando il match con Pellegrino –. Il break in apertura di secondo set è stato la svolta, mi sono sciolto e alla fine ho portato il match a casa. Da quando mi alleno con Simone Vagnozzi e il mio team, cioè dopo Wimbledon 2018, mi sono legato a persone che credono al 100% in me. Siamo davvero una squadra, crediamo totalmente in quello che facciamo e i risultati li vedo giorno dopo giorno”. Poi le riflessioni del 27enne di Ascoli Piceno, reduce dalla finale a Shymkent, sui successi messi in fila dal Challenger di Francavilla in poi:  “Le vittorie danno fiducia. Ho imparato ad accettare dentro di me anche i successi che arrivano giocando male, poi analizzo con Simone e il team ciò che è andato bene e ciò che devo migliorare, provando a correggere gli errori per fare sempre meglio”.

JACOPO BERRETTINI NEI QUARTI: “FIERO DI MATTEO” – Missione compiuta anche per Jacopo Berrettini (n.425 Atp), che ha lasciato cinque game all’australiano Jacob Grills (n.379 Atp) e avrà come prossimo avversario il tedesco Julian Lenz (n.370 Atp). “È stato un match difficile. Il mio avversario nel primo set mi ha dato poco ritmo alternando errori gratuiti a colpi vincenti – spiega il 20enne romano – poi ha giocato meglio ed io sono stato bravo a fermare sul nascere la sua rimonta. La mia energia e la voglia di lottare stanno facendo la differenza, sono contento. Per quanto riguarda Flavio Cipolla, al di là del rapporto che abbiamo tra maestro e allievo, siamo molto amici. Stiamo lavorando sul servizio, sull’uso della mano nel diritto e tatticamente sullo scendere in campo sempre con un’idea, un’idea di gioco da sviluppare nel corso della partita”. In conclusione le parole al miele per il fratello maggiore Matteo: “Ci sentiamo tutti i giorni, soprattutto quando giochiamo tornei diversi nella stessa settimana: quello che sta facendo è sotto gli occhi di tutti, sono fiero di lui”.

ZEPPIERI NON SI FERMA – Ancora più netta l’affermazione di Giulio Zeppieri (n.525 Atp), in gara con una wild card, che dopo il successo su Paolo Lorenzi (n.96 Atp), seconda testa di serie, ha superato la classica “prova del nove” liquidando per 61 62, in poco più di un’ora, il bosniaco Nerman Fatic (senza ranking). Il 17enne mancino di Latina sfiderà per un posto in semifinale l’uruguaiano Martin Cuevas (n.333 Atp).

STOP NEGLI OTTAVI PER VAVASSORI E BRANCACCIO – Si ferma agli ottavi invece Andrea Vavassori (n. 339 Atp), che dopo aver eliminato al 2° turno il boliviano Hugo Dellien, numero 94 del ranking mondiale e prima testa di serie, ha ceduto per 62 75 all’argentino Andrea Collarini (n.326 Atp). Niente da fare anche per Raoul Brancaccio (n.362 Atp), 22enne di Torre del Greco che si allena all’accademia di David Ferrer, sconfitto per 62 63 dallo spagnolo Tommy Robredo (n.216 Atp), ottavo favorito del tabellone.

DALLA VALLE IN “SEMI” IN DOPPIO – Dopo l’uscita di scena all’esordio in singolare, Enrico Dalla Valle si toglie qualche bella soddisfazione in doppio. Il 21enne di Ravenna e Andrea Basso, in gara grazie a una wild card, hanno raggiunto infatti le semifinali superando prima 63 36 10/5 la coppia formata dal croato Tomislav Draganja e da Julian Ocleppo e poi nei quarti per 63 57 10/6 il brasiliano Fernando Romboli e Andrea Vavassori, prima testa di serie. Venerdì si giocano un posto in finale con il lituano Laurynas Grigelis e Andrea Pellegrino.

Enrico Dalla Valle
Il ravennate Enrico Dalla Valle

INFO E BIGLIETTERIA – L’ingresso alle partite è gratuito da lunedì 17 a giovedì 20 giugno. È previsto un biglietto giornaliero di €10 per le fasi finali del torneo nei giorni 21-22-23 giugno o una formula abbonamento che prevede la tariffa scontata di €25. I ragazzi dai 6 ai 12 anni hanno una riduzione del 50%, mentre gli under 6 entrano gratis. Tutte le informazioni possono essere richieste all’Ufficio Ticketing & Accrediti ai seguenti recapiti: +39 3270798143 – ticket@meftennisevents.com.

 
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti