Federico Gaio

Buona la prima per Federico Gaio nel challenger Gran Canaria 2

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Esordio positivo per Federico Gaio nel “Gran Canaria 2 Challenger”, il secondo di due tornei consecutivi (44.820 euro di montepremi) di questa categoria organizzati da MEF Tennis Events sulla terra rossa del Cortijo Club dell’isola delle Canarie.

Il 28enne tennista di Faenza, questa settimana al numero 138 della classifica mondiale e seconda testa di serie, ha superato in rimonta, con il punteggio di 67(3) 62 62, dopo due ore e 20 minuti di gioco, lo spagnolo Javier Barranco Cosano (n.321 ATP), entrato in tabellone come “alternate”. “Il primo set è stato molto equilibrato. Una volta perso il tie-break sono rimasto in partita a livello fisico e mentale e piano piano sono riuscito ad imporre il mio gioco – commenta soddisfatto il romagnolo -. Nel complesso ho giocato un buon incontro, sono contento. Avevo bisogno di riprendere confidenza con la terra rossa dopo i tornei disputati sul veloce. Allenarmi qui è stata sicuramente la scelta migliore che potessi fare, mi sento in forma e darò il massimo per continuare così”.

Il vincente del confronto fra il francese Constant Lestienne (n.219 ATP) e il Next Gen spagnolo Carlos Gimeno Valero (n.400 ATP), in gara con una wild card, sarà il prossimo avversario di Gaio, che raramente ha saltato, negli anni, i tornei targati MEF Tennis Events: “Non è facile organizzare una manifestazione lontano dal proprio Paese, ma credo che la prova sia stata superata pienamente. Non mi sorprenderebbe vedere in calendario, in futuro, altri loro tornei di scena in Spagna”. 

FORTI TESTA DI SERIE A BRATISLAVA – Francesco Forti parte con la terza testa di serie nel torneo Itf Men’s Future slovacco di Bratislava (15.000 dollari, hard indoor).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti