Il Pura Vida mette le ali con il progetto Walkabout: sono ormai 90 gli allievi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Si amplia sempre più l’attività sportiva e formativa a 360 gradi del Pura Vida Riccione.
La società della Perla Verde che si occupa in primis di beach tennis e padel aumenta le sedi, visto che svolge attività alla Playa De Santander a Sant’Andrea in Casale, alla Playa 21 a Bologna ed allo Smash di Pesaro, ma aumenta anche le competenze visto che il tecnico Max Sforza è diventato istruttore federale di padel, attività che si svolge al Circolo Tennis Cerri di Cattolica, ed ha acquisito, così come Emanuela Donati, un Master nazionale in psicologia sportiva.

Il team femminile di beach tennis con Emanuela Donati

Con queste premesse prosegue la collaborazione dei tecnici Emanuela Donati e Max Sforza con due campionesse del beach tennis come Nicole Nobile e Sofia Cimatti, una partnership che passa dal lato mentale a quello fisico. Il tutto si riassume nel Progetto Walkabout che sta facendo passi da gigante e sta attirando sempre nuove realtà del circondario. “Siamo cresciuti molto – spiegano Max Sforza ed Emanuela Donati – oltre a beach tennis e padel seguiamo, dal punto di vista della preparazione fisica, una squadra di pallavolo di serie D, il Riccione City Volley, due squadre di ciclismo, Allievi e Juniores, l’Unipol Glass di Cesenatico e l’Euro Bike di Riccione. Nel complesso al momento seguiamo circa 90 atleti, compresa la squadra Master di San Marino, sotto il profilo fisico, tecnico e mentale, diciamo a 360 gradi. Un lavoro che si svolge sulle tre sedi e per quanto riguarda il padel al Circolo Tennis Cerri, seguendo gli stessi standard qualitativi, che siano professionisti o amatori”.

E chissà che il 2022 non permetta alla società riccionese di tagliare altri, prestigiosi, traguardi.

Emanela Donati con il Riccione City Volley
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti