Conclusa la trilogia di gennaio, il Carpena è pronto per i due Challenger di febbraio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Arrivano altri due Challenger Atp a Forlì consecutivi, dal 14 al 27 febbraio. La città romagnola sempre più città europea al centro del grande tennis internazionale. Dopo la serie di tre Challenger di gennaio, appena conclusa, ecco che si riparte, a dimostrazione di come Forlì sia diventata uno dei punti di riferimento in Italia. Fin qui, i numeri delle prime tre settimane di tornei lo spiegano molto bene: quasi 200 atleti professionisti in campo, almeno il triplo di presenze tra allenatori, manager e addetti ai lavori; 192 match disputati nei vari tornei e migliaia di appassionati ad assistere alle gare, così come decine di migliaia di persone nel mondo che hanno assistito alle gare via web. Nessuna città europea in questa prima parte del 2022 può vantare una tale calendario nel tennis internazionale. E si continua.

“Si tratta di un grande salto di qualità per il Villa Carpena e quindi per tutta la Romagna – ha spiegato Angela Bonoli, presidente del Tc Villa Carpena -. Il tennis sta vivendo in Italia, grazie ai nostri fortissimi atleti, un grande momento di gloria e avere anche noi del Villa Carpena la possibilità di cavalcare questa avventura rende orgogliosi il nostro circolo, il Consiglio d’Amministrazione e tutto lo staff tecnico, guidato dal maestro Alberto Casadei. Senza questa squadra non sarebbe stato possibile realizzare questa magnifica impresa”.

Aveva immaginato un inizio di così alto livello per il suo club e per la città di Forlì?

“Quando mi è stata prospettata questa irrinunciabile opportunità ho pensato che un sogno si stava realizzando – ha proseguito Angela Bonoli -. Con le società di Cosimo Napolitano è nata una collaborazione che spero duri a lungo, imprescindibile per quello che abbiamo organizzato e organizzeremo in futuro. E’ grazie a lui se stiamo realizzando un progetto davvero unico; noi abbiamo il merito di averci creduto fin dall’inizio perché crediamo fortemente nel grande tennis in Romagna”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il vice-presidente del Villa Carpena Ferruccio Tassinari. “La pubblicità ricevuta dal nostro circolo grazie alla lunga e intensa esposizione mediatica dei tornei ha regalato tanto entusiasmo al nostro movimento tennistico e ai ragazzi del nostro club, che tra l’altro ci hanno permesso di diventare il primo circolo d’Italia a livello giovanile nel 2021. Come hanno scritto in molti sui media, Forlì è diventata “Tennis City”, ne siamo orgogliosi e per questo dobbiamo ringraziare anche l’amministrazione comunale”.

Ferruccio Tassinari premia Jack Draper
Ferruccio Tassinari premia Jack Draper, vincitore del secondo challenger a gennaio al Villa Carpena
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti