“Vivi il tuo sogno”: via a Rimini al 5° Trofeo Coni Kinder+Sport 2018

Un gioco di luci sul ponte di Tiberio, simbolo di Rimini. La quinta edizione del Trofeo Coni Kinder+Sport 2018 si è aperta – giovedì sera – all’insegna della cultura, con uno spettacolo acquatico dedicato alla ninfa Calipso e della storia romana della città romagnola che eredita nel modo migliore il testimone di città ospitante dopo Caserta, Lignano Sabbiadoro, Cagliari e Senigallia. E nel parco XXV Aprile sfilano festanti i circa 3200 atleti provenienti da 21 Regioni e Province autonome, con le rappresentanze delle comunità italiane di Canada e Svizzera in testa e l’Emilia Romagna in chiusura. 

 

La cerimonia di apertura con sullo sfondo il ponte di Tiberio (foto Simone Ferraro)

In prima fila a salutare il lungo serpentone delle delegazioni che partecipano a questa sorta di olimpiade italiana under 14, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, la vice presidente Alessandra Sensini, il segretario generale Carlo Mornati, i membri della Giunta Nazionale ospitata per la prima volta nella storia a Bologna e i tanti presidenti di Federazioni e Discipline associate, i presidenti dei Comitati Regionali, l’ad di Coni Servizi, Alberto Miglietta, il presidente del Comitato Regionale Umberto Suprani, l’ex membro Cio e dirigente internazionale Bruno Grandi e altre autorità. 

Complimenti, questo luogo è fantastico – ha detto Malagò -, sono felice. Brava Cecilia D’Angelo, responsabile del Territorio, che insieme a tutti i presidenti ha organizzato questa festa che sta oggettivamente crescendo anno dopo anno, i numeri sono esponenziali. C’è molto interesse per ospitare la prossima manifestazione, mentre all’inizio invece serviva coraggio. Oggi qui c’è tutto il Coni, è una festa di tutto il sistema sportivo che ci invidiano nel mondo. Spero che i ragazzi si divertano. Un bel segnale è che ci siano tante squadre miste. Questo èuno dei nostri fiori all’occhiello. Oggi qui con noi c’è Kinder+Sport che ci è sempre vicino nelle attività sociali e che ci dà fiducia. Qui si respira una sana aria sportiva“. 

Il giuramento degli atleti under 14 (foto Simone Ferraro)

A fare gli onori di casa Andrea Gnassi, sindaco di Rimini che ospita gran parte dei 45 campi di gara delle discipline appartenenti a 45 Federazioni Sportive Nazionali e 10 Discipline Sportive Nazionali: “Viviamo tempi incerti e difficili, Rimini in questi anni si è messa in cammino e uno degli investimenti che abbiamo fatto è sul patrimonio che la nostra Italia ha. Le parole di questi giovani sono di entusiasmo e speranza. Vi auguriamo di vivere bene le vostre giornate riminesi di sport“. 

 

L’accensione della fiamma nel tripode (foto Simone Ferraro)

Presenti lo spadista Davide Di Veroli, portabandiera azzurro ai prossimi Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires, e la ciclista Sofia Collinelli, figlia d’arte di Andrea, oro olimpico nell’inseguimento individuale ad Atlanta ’96. Ma a Rimini ci sono anche altri giovani che tra due settimane rappresenteranno l’Italia in Argentina: da Gabriele Caulo (taekwondo) a Lay Giannini e Talisa Torretti (ginnastica). Presente inoltre il giovane Michelangelo Sampognaro (taekwondo). Dei ‘grandi’, invece, oltre al mattatore della serata Andrea Lucchetta, la campionessa di karate Sara Cardin e l’ex ‘farfalla’ olimpica Elisa Santoni. Da venerdì il via alle gare, tra Rimini, Ravenna, Cesena e dieci comuni limitrofi, con i piccoli atleti che, interpretando lo slogan “Vivi il tuo sogno”, vivranno ogni istante di questa esperienza che alimenta in loro i valori più autentici dello sport.  

Beach Volley: Frascio-Spadoni alle Kinderiadi Trofeo delle Regioni U18

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti