La squadra di serie C femminile del Tennis Club Viserba

Serie C femminile: domenica a Sassuolo il Tc Viserba si gioca la B2

Nuovo snodo di fondamentale importanza nella stagione, fin qui strepitosa, del Tennis Club Viserba, Dopo gli uomini, che hanno conquistato una bella salvezza in A2, da neopromossi, sfiorando i play-off per la A1, tocca ora alle donne essere protagoniste con il match che vale la promozione in B2.

Domenica 20 settembre il Tennis Club Viserba infatti si giocherà la promozione in trasferta (dalle 14.30) sui campi dello Sporting Club Sassuolo, un confronto difficile, ma non certo impossibile per il team riminese reduce dalla vittoria thrilling al doppio di spareggio nel 3° turno di domenica scorsa nel tabellone regionale della serie C femminile per 3-2 nel derby sul Tennis Villa Carpena.
Un incontro iniziato alle 9 del mattino e terminato poco dopo le 18. Decisive in quel caso le vittorie viserbesi con Alessandra Mazzola, non al meglio per un problema alla schiena, che si è imposta 6-2 6-3 su Caterina Pantoli, Giulia Pasini che ha sconfitto seccamente 6-0 6-2 Asia Bravaccini, poi quella del doppio di spareggio, vinto da Pasini e Chiara Giorgetti su Pantoli-Bravaccini per 4-6 6-2 13/11.

Va sottolineato lo spirito di squadra di Chiara Giorgetti che, per giocare e vincere il doppio con Giulia Pasini, ha rinunciato a giocare la finale del torneo nazionale di terza categoria del Ten Pinarella. Ma si conoscono bene i valori tecnici e morali di questa squadra che può contare anche su Marta Lombardini (2.6), Beatrice Letizia (2.7), Greta Vagnini (3.1) ed Emily Maggi (3.2). Bisognerà porre attenzione al fatto che si giocherà sul veloce, una superficie che avvantaggia sicuramente le emiliane che hanno in Alice Gubertini (2.5), Martina Zara ed Alice Monducci Delucca (2.6) le giocatrici più forti, mentre tra le Under possono schierare Giulia Dal Pozzo (2.7).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti