Cerca
Close this search box.
Michele Vianello

Open “Pleion-Climaservice” al Cicconetti, al via anche Michele Vianello

Condizionata dalla pioggia la sessione di lunedì del torneo nazionale Open maschile del Tennis Club Cicconetti di Rimini, il 1° trofeo “Pleion-Climaservice” (1.500 euro di montepremi). Entrano nel tabellone di terza due giocatori del Ct Cicconetti, il 4.1 Paolo Raffaelli (n.1), per il forfait del suo avversario, e il 4.6 Pietro Gianfrini, che si è imposto per 4-6 6-1 11/9 su Daniele Bracci (4.1, n.2).
Ora si giocano i match del tabellone di terza categoria dove le teste di serie sono andate ai 3.1 Matteo Peppucci, Luca Cramarossa, Antoine Barbieri, Nicolas Spimi e Nicola Ravaioli. Intanto il dato sugli iscritti è salito a quota 59, dopo Francesco Giorgetti (Tc Viserba) si è iscritto anche un altro 2.3, il ravennate Michele Vianello (Sporting Club Sassuolo), finalista domenica nel torneo Open del Ct Massa Lombarda, il 17° Trofeo Oremplast.

OPEN PESARO: A BRAVETTI IL “DERBY” CON DELL’OSPEDALE – Il forlivese Diego Bravetti vince il derby della Galimberti Tennis Academy su Leonardo Dell’Ospedale e si qualifica per gli ottavi del torneo nazionale Open del Ct Pesaro.
4° turno: Diego Bravetti (2.6)-Leonardo Dell’Ospedale (2.5) 6-2, 6-2, Lorenzo Michele Iftimie (2.4)-Andrea Rondoni (2.5) 6-2, 6-3, Giovanni Femia (2.5)-Filippo Di Perna (2.4) 1-6, 7-5, 10-4, Gianluca Manco (2.4)-Umberto Crocetti Bernardi (2.5) 6-1, 6-2, Erik De Santis (2.5)-Alberto Morolli (2.4) 6-3, 6-3.

Nel femminile è in semifinale la 2.4 riminese Emma Ferrini, testa di serie n.1, che nei quarti ha battuto 6-3 6-1 la 2.6 Francesca Giuliani.
Quarti: Diletta Cherubini (2.4, n.2)-Sofia Marchetti (2.7) 6-1 6-1.

Giorgio Galimberti e Igor Gaudi con Sveva Pansica e Diego Bravetti
Diego Bravetti in allenamento con i tecnici Giorgio Galimberti e Igor Gaudi e con Sveva Pansica

 

 

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti