Cerca
Close this search box.
Emma Lanzoni con il trofeo

Tennis Club Faenza: Emma Lanzoni al Master internazionale Kinder Joy of Moving alla Rafa Nadal Academy

Emma Lanzoni, la dodicenne portacolori del Tennis Club Faenza, si prepara a volare a Maiorca (Isole Baleari), in Spagna, dove dal 30 ottobre al 2 novembre parteciperà al Master Internazionale in programma sui campi della prestigiosa Rafa Nadal Academy.

Si tratta di un evento che conclude il Tennis Trophy Fitp Kinder Joy of Moving, un circuito nazionale promozionale giovanile, che ha visto la promessa romagnola piazzarsi in finale nel Master andato in scena fra fine luglio e inizio agosto a Roma.

Emma quest’anno si è messa in luce vincendo alcuni tornei della sua categoria e portando la squadra Under 12 del Tennis Club Faenza alla vittoria del titolo regionale assieme a Gaia Migliorini. Attualmente classificata 3.4, è nata ad Imola e da due anni si allena quotidianamente sui campi di via Medaglie d’Oro, sotto la guida dei maestri Enrico Casadei, Marco Poggi ed Edoardo Pompei. Proprio quest’ultimo la accompagnerà al Master in programma alla Rafa Nadal Academy.

Intanto da venerdì a domenica il Tennis Club Faenza ospita il torneo nazionale Under 14, maschile e femminile, organizzato con la formula Rodeo. Nel tabellone maschile (43 iscritti) i giocatori con classifica migliore sono il 3.4 Francesco Cuppi, i 3.5 Alessandro Cavalieri e Diego Cencini ed i 4.1 Dante Terzi, Andrea Picariello, Giulio Lettieri, Francesco Camagni e Ian Catallo. Teste di serie nell’ordine a Francesco Cuppi, Diego Cencini, Alessandro Cavalieri, Ian Catallo, Dante Terzi e Giulio Lettieri.

Nel femminile (19 al via) guidano le fila Angelica Bonetti, Angie Bentini, Alice Buzukja e Jana Savolt.

Il giudice di gara è Lorenzo Pasquali, direttore di gara Marco Poggi.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti