La squadra under 16 femminile della Scuola Federale Tennis San Marino

Le under 16 del Titano volano in semifinale, bene anche la squadra di D2 femminile

Fine settimana ricco di impegni per i tennisti sammarinesi. Marco De Rossi ha affrontato il primo turno di qualificazione del Challenger Atp in corso sui campi del Circolo Tennis Villa Carpena di Forlì. Il davisman del Titano, al via grazie ad una wild card, ha giocato un ottimo match contro il francese Kenny De Schepper, ex 62 delle classifiche Atp e attualmente tra i primi 300 al mondo, ma ha dovuto cedere con il risultato di 6-3 6-1. De Rossi tornerà in campo nei prossimi giorni per le qualificazioni degli Internazionali Città di Frascati.

Nel weekend sono scese in campo anche le formazioni femminili del CAST. Le ragazze dell’Under 16, impegnate nel tabellone regionale ad eliminazione diretta, hanno superato i quarti di finale imponendosi sul Cus Ferrara: Silvia Alletti e Talita Giardi hanno affrontato rispettivamente le 3.3 Elena Ravani e Martina Ronconi, vincendo 6-2 6-1. Sabato è in programma la sfida che vale l’ingresso in finale contro il Tennis Club Faenza (sede da definire).

A segno pure la formazione di Serie D2, che affrontava l’ultima partita del girone, così da chiudere al primo posto. Sono scese in campo Giorgia Benedettini e Giulia Galvani, che hanno centrato due successi per 6-2 6-3 e 6-0 7-6.

Battuta d’arresto, invece, per la formazione maschile di serie D4, scesa in campo al Circolo Cicconetti di Rimini. I titani hanno perso 2-1. Marco Benassi ha ceduto nel primo singolare per 5-7 7-5 6-0, mentre Loris Volpinari ha vinto il secondo per 6-4 6-1. Sconfitta per il doppio composto da Fabio Gualtieri e Thomas Forcellini (6-3 6-1). I titani accedono comunque alla seconda fase e nella giornata di martedì conosceranno i propri avversari.

Marco De Rossi challenger Forlì
Il sammarinese Marco De Rossi colpisce di diritto sui campi del Villa Carpena Forlì
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti