Pompei, Capacci e Geminiani ok nello Junior Next Gen di Padova

Macina risultati al Tennis Club Padova la seconda tappa del circuito Junior Next Gen Italia, fase di macroarea Nord-Est. Brillano Sofia Cilibic (Ct Zavaglia), Tommaso Bonarota e Jacopo Antonelli del Tc Riccione, Asia Poggioli (Ct Cacciari), Luca Pompei (Villa Carpena), Lucas Geminiani (Tc Faenza) e Christian Capacci.

Under 12 femminile, 3° turno: Sofia Cilibic-Maria Margherita Rigato 6-1, 6-4. La forlivese Clara Marzocchi (Villa Carpena) è la n.6, la cesenate Chiara Bartoli è la n.7.

Nell’Under 12 maschile bene Luca Pompei (Tennis Villa Carpena). 3° turno: Luca Pompei-Francesco Ruscitti (n.32) 4-6, 6-2, 11-9, Lucas Geminiani (n.23)-Piermaria Dodi 6-1, 7-6 (7). Riccardo Pasi è il n.9 del seeding, Pietro Augusto Bonivento è il n.3, Alex Guidi n.15, Rafael Capacci n.2.

Under 14 femminile, 3° turno: Noemi Maines-Clara Sansoni (n.16) 5-7, 6-1, 10-5, Ludovica Azzolini (n.8)-Anita Picchi 6-4, 6-4, Beatrice Varini (n.14)-Emanuela D’Alba 6-0, 6-4.

Under 10 maschile, 2° turno: Eric Dumitru Spiridon-Enea Vinetti 3-6, 6-2, 7-2.

Nell’Under 16 maschile Edoardo Lanza Cariccio (Ct Zavaglia) è il n.16 del seeding. 3° turno: Tommaso Bonarota-Diego Favretto 6-4, 6-4.

Under 16 femminile, 1° turno: Carolina Bicego-Alessandra Sparnacci 6-2, 6-0, Asia Poggioli-Maria Diletta Mungo (n.10) 6-1, 6-4. Under 14 maschile, 3° turno: Alex Brusadin (n.4)-Nicola Ravaioli (n.29) 6-2, 6-3, Jacopo Antonelli-Edoardo Bavato (n.13) 2-6, 6-3, 10-6, Christian Capacci (n.5)-Samuele Seghetti 6-0, 6-1. Lorenzo Beraldo è il n.12.

 

STOP NEGLI OTTAVI A VRSAR PER FABIO LEONARDI – Intanto il ravennate Fabio Leonardi esce di scena nel torneo Tennis Europe Under 12 croato di Vrsar, il 35° memorial “Slavoj Greblo” (Grade 1, terra). Il romagnolo, entrato in tabellone con una wild card, è stato battuto 6-0 6-0 negli ottavi dal rumeno Tudor Batin.

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti