Enrico Baldisserri studia da grande: “Cerco di far avverare i miei sogni”

L’imolese Enrico Baldisserri, 15 anni, si può certamente considerare delle migliori speranze del tennis azzurro. E’ ancora giovanissimo eppure da almeno quattro anni gioca ad alto livello e frequenta da tempo l’aria del circuito Tennis Europe. Un segnale che il romagnolo non si accontenta di giocare per divertirsi, ma che ci prova fino in fondo a realizzare il suo sogno: diventare un giocatore professionista.

Lui si racconta così: “Ho fatto i primi quattro anni al Circolo Tennis Zolino con il maestro Riccardo Zardi, poi due anni alla Tozzona con il maestro Massimiliano Narducci, ora mi alleno in pratica in tre circoli, tre volte la settimana al Circolo Tennis Cacciari con i maestri Andrea Zini e Paola Tampieri, una volta al Circolo Tennis Bologna e due al Ct Zolino con mio padre”.

Mariano Tammaro ed Enrico Baldisserri premiati a Siauliai

Baldisserri vuole diventare un giocatore importante: “Ho questo sogno da quanto ero piccolo e cerco di farlo avverare allenandomi tutti i giorni con grande costanza. Mi alleno sei giorni alla settimana, circa tre ore tutti i giorni. Ho iniziato a fare tornei internazionali da quando avevo 11 anni e intendo proseguire su questa strada”. Quando gli si chiede quali siano le sue qualità tecniche migliori non ha dubbi: “Gioco meglio di rovescio, col dritto mi piace colpire ad uscire per aprirmi il campo, poi direi che ho una buona risposta. Sicuramente c’è tanto da migliorare anche sotto l’aspetto mentale, nell’approccio al match. Credo di saper gestire le situazioni, forse quando sono avanti nel punteggio mi perdo un po’, non sono così concentrato”.

Da qualche tempo Baldisserri veste i capi Brek, l’azienda trentina che punta a sviluppare la sua attività imprenditoriale rispettando cinque valori: onestà, umiltà, altruismo, rispetto e perdono. “Con Brek mi sono trovato da subito molto bene, produce materiale perfetto, una cosa incredibile con tanta qualità, credo molto anche nei cinque valori con i quali questa azienda vuole portare avanti la sua attività”.

Infine si parla di programmi: “Ora faccio due tornei in Europa, uno di sicuro in Croazia, per riuscire ad entrare nei tornei di Grado 1 che si svolgeranno in Italia, che iniziano a maggio, poi il resto è da programmare. Ora sono 2.8 come classifica nazionale Fit, mi piacerebbe chiudere la stagione da 2.6”.

Alessandro Giuliani

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti