Tricolori U.14: ottavi per Maina, Ricci, Satta e nel femminile Aber. U.12 femminili: ai quarti Donati e Cadar

Al Tennis Club Lombardo di Milano sono in corso i campionati italiani Under 14 maschili. Approdano agli ottavi Alessandro Maina, allievo della Galimberti Tennis Academy, Pietro Ricci (Ct Massa Lombarda) ed il ravennate Niccolò Satta (Ct Zavaglia), allievo della Ravenna Tennis Academy.
3° turno: Alessandro Maina (n.21)-Mattia Bille (n.12) 6-4, 5-7, 6-4, Pietro Ricci (n.19)-Mattia Cappellari (n.14) 3-6, 6-3, 6-3, Niccolò Satta (n.15)-Samuele Righetti 6-3, 6-0.

Doppio, 2° turno: Bille-Cappellari (n.5) b. Satta-Fiocchi 7-6 (4), 6-7 (4), 10-7, Ricci-Dresseno (n.6) b. Storaci-Gargano 6-3, 6-3, Maina-Didoni b. Alfano-Santori 7-5, 6-2.

CASALE MONFERRATOSara Aber (Ct Zavaglia), allieva della Ravenna Tennis Academy, negli ottavi nei campionati italiani Under 14 femminili in corso al Circolo Sport Club Nuova Casale di Casale Monferrato. 2° turno: Eleonora Baroni (n.16)-Francesca Sparnacci 6-2, 6-2, Daniela Gramaticopolo (n.5)-Talita Giardi 6-2, 7-5, Virginia Proietti (n.6)-Diana Rolli 6-2, 6-3, Sara Aber-Claudia Galietta (n.7) 6-1, 4-6, 6-1.
Doppio, 2° turno: Cazac-Cremonini b. Lanzillo-Kravchenko 6-1, 7-6.
Ottavi: Giardi-Rolli b. Bartolucci-Gramaticopolo (n.3) 6-3, 6-2.

MILANO BONACOSSA. Gaia Donati (Ct Zavaglia) e Sofia Cadar (Ct Massa Lombarda) nei quarti nei campionati italiani Under 12 in corso al Tc Milano Bonacossa. Negli ottavi l’allieva della Ravenna Tennis Academy, testa di serie n.13, ha battuto 6-4 7-5 Giulia Zoppas, mentre le giocatrice del Ct Massa Lombarda, n.7, si è imposta per 6-4 7-6 (3) su Bianca Francesconi (n.10).
Nel maschile ottimo torneo per Daniele Longo (Ten Sport Center Pinarella), che si è fermato al 3° turno per opera di Riccardo Landi (n.4) vincitore per 6-2, 7-5, e per Riccardo Pretolani (Tennis Villa Carpena), anche lui sconfitto al 3° turno da Giorgio Ghia (n.2) per 6-1, 6-1.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti