Valentino Salami

Torneo 4ª categoria al Ten Pinarella: “semi” per Salami, Orlando e Foronci

Si avvia alla stretta conclusiva il torneo nazionale di quarta categoria, maschile e femminile, organizzato dal Ten Sport Center Pinarella (giudice di gara è Alessandro Rondinelli).

Nel maschile semifinali per Valentino Salami, Diego Orlando e Fabrizio Foronci. Nel tabellone femminile la prima a guadagnare la finale è stata Lara Alberighi.

Maschile, ottavi: Carlo Bega (4.1, n.3)-Mattia Totaro (4.1, n.14) 4-6, 6-4, 10-4, Marco Giovagnoli (4.1, n.11)-Stefano Cenni (4.1, n.6) 7-5, 6-3.
Quarti: Diego Orlando (4.1, n.12)-Andrea Rustichelli (4.5) 6-3, 6-7 (3), 11-9, Fabrizio Foronci (4.2)-Claudio Fantini (4.1, n.2) 6-3, 7-5. Semifinali anche per Valentino Salami (4.1, n.8).

Femminile, quarti: Sofia Baldani (4.2)-Maria Silvia Brighi (4.2) 6-4, 5-7, 10-4, Maria Vittoria Tagliavini (4.1, n.1)-Silvia Morandi (4.4) 6-2, 5-7, 10-3.
Semifinale: Lara Alberighi (4.1. n.2)-Chiara Sbrighi (4.2) 6-3, 6-1.

Christian Rosti
Un bel primo piano di Christian Rosti, maestro e titolare del Ten Sport Center Pinarella

RIMINI. Al Circolo Tennis Rimini approda alle semifinali il torneo Golfetta di 4° maschile. In semifinale Matteo Shafer, Paolo Raffaelli, Andrea Muratori, Michele Moretti ed Andrea Bonetti.

Ottavi: Andrea Muratori (4.1, n.1)-Gianmarco Palumbo (4.3) 6-0, 6-1, Daniel Francesco Shafer (4.5)-Marco Benassi (4.3) 6-0, 4-6, 10-4, Michele Moretti (4.1, n.6)-Francesco Buono (4.1, n.11) 6-1, 6-2, Leonardo Montinari (4.3)-Alberto Amadio (4.1, n.2) 2-4 e ritiro, Pietro Gianfrini (4.1, n.8)-Luca Pagnini (4.2) 7-5, 6-3, Matteo Shafer (4.3)-Francesco Muratori (4.1, n.5) 6-3, 6-1, Paolo Raffaelli (4.1, n.3)-Claudio Canducci (Nc) 6-2, 6-1, Andrea Bonetti (4.1, n.7)-Maurizio Maestri (4.1, n.10) 6-1, 6-3. Quarti: Muratori-Gianfrini 6-1, 6-2, Matteo Shafer-Daniele Francesco Shafer 6-3, 6-0, Moretti-Raffaelli 5-7, 6-1, 2-1 e ritiro, Bonetti-Montinari 6-3, 6-2

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti