Cerca
Close this search box.

Tc Riccione on fire: scatta un Open di Primavera grandi firme, in serie C esordio femminile con pareggio, è nato il piccolo Edoardo Lo Paro

Sono giorni molto intensi e di grande interesse tecnico per il Tennis Club Riccione, tra avvio del tradizionale Open di Pasqua e prime battute dei campionati a squadre.

Domani (mercoledì) scatta sui campi del Tennis Club Riccione una classicissima, il torneo nazionale Open di Primavera dotato nel complesso di 4.000 euro di montepremi. Sono 80 gli iscritti al maschile, con una notevole qualità ai piani alti, garantita nell’ordine dai 2.2 Federico Bertuccioli e Tomas Gerini e dai 2.3 Alessandro Dragoni, Daniele Pasini, Mateo Nicolas Martinez, Lorenzo Favero e dai 2.4 Leonardo Angeloni, Lorenzo Battista Marco Carretta e dal 2.5 Edoardo Principi.

Nel femminile sono 39 le giocatrici al via guidate dalle 2.5 Emma Ferrini ed Anita Picchi e dalle 2.6 Alice Gubertini, Marta Lombardini, Arianna Ovarelli, Sara Aber, Valentina Taddia, Silvia Alletti e Diana Rolli.

Il giudice di gara è Simone Lusini, direttore di gara Moreno Pecci.

Domenica intanto è scattata la serie C femminile e per la formazione riccionese è arrivato un bel pareggio per 2-2 in casa contro il Tennis Club Ippodromo di Cesana, con questi parziali: Anita Picchi-Elisa Pari 6-4, 6-2, Francesca Sparnacci-Giulia Bancale 6-1, 6-4, Carolina Bondi-Carlotta Mercolini 6-0, 6-4, Migani-Pari b. Picchi-Bondi 6-3, 6-1. Domenica (dalle 9) seconda giornata sui campi del Tc Faenza.

Non solo tennis giocato, per tutto il Tennis Club Riccione c’è un’altra bella notizia, la nascita del piccolo Edoardo Lo Paro, figlio del maestro Toni Lo Paro. Tutto il Club su felicita con la famiglia del proprio tecnico. Un nuovo giocatore in arrivo.

Fiocco azzurro per Edoardo Lo Paro

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti