Cerca
Close this search box.

Open Villanova di Bagnacavallo: ottavi per Zannoni e Valletta, quarti per Vaccari

Avanza sui campi del Circolo Tennis Villanova di Bagnacavallo il torneo di prequalificazione al Challenger Atp del Club La Meridiana di Casinalbo. Il vincitore del torneo Open che va in scena sui campi del Ct “Spartaco Belletti” avrà come premio la possibilità di giocare le qualificazioni nel Challenger Atp emiliano, in programma dall’1 al 7 luglio. Conquistano gli ottavi Samuel Zannoni (Tc Viserba) e Luigi Valletta (Ct Zavaglia), il primo a qualificarsi per i quarti è Ludovico Vaccari, portacolori del Tennis Modena.

2° turno del tabellone finale: Niccolò Satta (2.7)-Marco Chiarello (2.7) 6-4, 1-6, 6-1, Samuel Zannoni (2.6)-Leonardo Fabbri (2.7) 6-4, 6-2. 3° turno: Samuel Zannoni (2.6)-Sevan Bottari (2.5) 6-7 (10), 6-4, 4-2 e ritiro, Luigi Valletta (2.7)-Filippo Di Perna (2.6) 4-6,6 -2, 6-3. Ottavi anche per Niccolò Satta (2.7) per il forfait del suo avversario.

Ottavi: Ludovico Vaccari (2.4)-Pietro Ricci (2.6) 6-3, 6-1.

Il giudice di gara è Umberto Domenichini, direttore di gara Ennio Dragoni.

BELLARIA. Avanza il torneo nazionale Open maschile del Maretennis, il memorial “Ezio Pretolani” dotato di 500 euro di montepremi. Nel frattempo gli iscritti sono saliti a quota 39. Ottimo esordio nel tabellone di 3° per Andrea Torri (Ct Casalboni Santarcangelo), Giuseppe Leoncini (Tennis Villa Carpena), Raffaele Mitri (Ct Rimini) e Mario Borghi (Ct Cervia).

Tabellone di 3°, primo turno: Andrea Torri (3.5)-Roberto Casadei (4.1) 6-1, 6-0, Giuseppe Leoncini (3.4)-Tommaso Lombardi (4.1) 6-2, 6-3, Raffaele Mitri (4.1)-Massimiliano Rossetti (3.5) 6-0, 2-6, 10-3, Mario Borghi (3.5)-Davide Bernabini (4.2) 6-2, 6-0.

I big sono sicuramente i 2.6 Andrea Rondoni, Luca Bartoli e Samuel Zannoni.

Il giudice di gara è Michele Pretolani, direttore di gara Gioel Eramo.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti