Cerca
Close this search box.
Paolo Bologna e Pietro Spezi

Open Porsche “Augusto Gabellini” al Ct Cerri: Pietro Spezi scatenato sui campi di casa, Clara Sansoni ad applausi nel main-draw

Si avvia verso le fasi tecnicamente più interessanti il torneo nazionale Open, maschile e femminile, organizzato dal Circolo Tennis Cerri, il trofeo Porsche “Augusto Gabellini”, giunto quest’anno all’11° edizione.

Il torneo terrà banco fino al 20 luglio e con i suoi 5000 euro di montepremi complessivo si presenta al via con tanti motivi di interesse tecnico. Nel maschile avanza nel tabellone finale, con tanto di “positivo”, Pietro Spezi, in gran spolvero sui campi di casa, nel femminile in bella evidenza la forlivese Clara Sansoni (Tc Faenza).

Turno di qualificazione: Emanuele Giangiordano (3.1, n.4)-Francesco El Dakhloul (3.2) 6-3, 3-6, 11-9, Pietro Rinaldini (3.1, n.2)-Bruno Di Benedetto (3.3) 6-0, 7-6, Francesco Mandelli (3.1, n.7)-Riccardo Muratori (3.2) 7-5, 7-5, Edoardo Pozzi (3.1, n.3)-Federico Strocchi (3.2) 4-6, 6-4, 10-6. Si qualifica anche Christian Ottaviani (3.3).

La Porsche parcheggiata al Ct Cerri

1° turno tabellone finale: Alessandro Califano (2.8)-Enea Carlotti (3.2) 6-1, 6-2, Umberto Giuseppe Capitano (2.8)-Andrei Matei Ganea (3.2) 6-2, 6-0. 2° turno: Dario Zamagna (2.8)-Francesco Mandelli (3.1) 5-7, 6-1, 10-7, Pietro Spezi (3.2)-Tommaso Bonarota (2.8) 7-5, 6-1.

Femminile, turno di qualificazione: Alice Rossi (3.1, n.3)-Viola Amati (3.2) 6-3, 6-2, Aurora Lombardi (3.2, n.4)-Gioia Angeli (3.2) 1-6, 6-2, 10-5, Maria Bianca Bovara (3.2)-Chiara Giorgetti (3.2, n.5) 6-3, 6-3, Aurora Portesani (3.1, n.1)-Carolina Bondi (3.3) 6-4, 6-4.

Si qualifica anche Lisa Pierini (3.3). Tabellone finale, 1° turno: Clara Sansoni (2.8)-Lisa Pierini (3.3) 6-4, 6-1.

Il giudice di gara è Roberto Scaioli, direttrice di gara Francesca Cerri.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti