Cerca
Close this search box.

Sara Errani e Jasmine Paolini fanno l’impresa: finale in doppio al Roland Garros

L’impresa è servita. Sara Errani in coppia con Jasmine Paolini centra la finale del doppio al Roland Garros. Arrivate a Parigi sulla scia del successo colto negli Internazionali BNL d’Italia, le due azzurre hanno battuto nella semifinale la coppia formata dall’ucraina Marta Kostyuk e dalla rumena Elena-Gabriela Ruse in tre set col punteggio di 1-6, 6-4, 6-1, centrando così la decima vittoria consecutiva ed in finale, domenica, se la vedranno contro il team composto dalla statunitense Coco Gauff e dalla ceca Katerina Siniakova. Il percorso di Sarita e Jas a Parigi è stato impeccabile, costruito attraverso quattro partite in cui non hanno perso nemmeno un set. Solo in semifinale le due azzurre hanno ceduto il primo parziale alle loro rivali per poi innescare una rimonta che ha vissuto il suo momento chiave nel quarto game del secondo set, durato oltre quindici minuti e chiuso dopo ben trentadue punti. Da lì in poi è stato un crescendo culminato con un terzo set in cui, dopo un primo combattuto game, le italiane hanno lasciato un solo game alle loro rivali. Il risultato è ancor più incredibile se si pensa che “Sarita” e “Jas” hanno cominciato a giocare insieme con una certa continuità solo dalla scorsa stagione con l’obiettivo della qualificazione olimpica: per loro sono già tre i titoli nel palmares, oltre Roma, il 500 di Linz lo scorso febbraio e il 250 di Monastir a fine 2023. Quest’anno oltre al successo nel torneo austriaco ed in quello al Foro Italico anche la semifinale da “1000” a Miami ed ora la finale al Roland Garros. Un messaggio importante alle avversarie anche in vista delle Olimpiadi che inizieranno il 27 luglio a Parigi e si giocheranno proprio al Roland Garros. Anche se le convocazioni non sono ufficiali è scontato che a rappresentare l’Italia nel doppio femminile ci sarà la coppia Paolini-Errani. Per Sara una soddisfazione enorme, sarebbe la sua quinta Olimpiade e mai come questa volta nel ruolo di protagonista. Per la verità a Londra ci arrivò con Roberta Vinci da n.1 del mondo in questa specialità, a sbarrare loro la strada nei quarti l’unica coppia che poteva batterle, Serena e Venus Williams. Quest’anno non ci sono coppie imbattibili come quella.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti