Cerca
Close this search box.

Lucia Bronzetti e Sara Errani si fermano in semifinale nel “Firenze Ladies Open”

Sfuma per poco una clamorosa finale tutta romagnola nel “Firenze Ladies Open”. Lucia Bronzetti e Sara Errani si fermano in semifinale nel torneo Wta 125 di Firenze (115.000 dollari, terra).

Nella prima semifinale Sara Errani ha sprecato una grande chance contro la statunitense Taylor Townsend. La massese, testa di serie n.6, ha condotto infatti per 6-4, 5-3 e sul 30-40 servizio per la statunitense ha fallito un match-point. A questo punto l’incontro è diventato più equilibrato, la possente giocatrice di colore ha limitato i suoi errori ed ha conquistato il secondo parziale, nonostante la romagnola sia andata a servire sul 5-4. Nel terzo set nuovo allungo della massese che si è portata sul 3-0, ma è stata raggiunta e superata dalla 27enne di Chicago, che ha chiuso ancora una volta al dodicesimo gioco al quarto match-ball.

Lucia Bronzetti aveva mostrato già nei turni precedenti di essere sulla via del completo recupero ad alti livelli ed anche in semifinale, seppur persa contro l’amica Jasmine Paolini, ha confermato la buona condizione di forma. Si è imposta la toscana per 7-6 (11) 2-6 6-2 al termine di un match molto equilibrato, nel quale la romagnola ha fallito diverse occasioni nel terzo set per rientrare in partita.

Intanto da lunedì la giocatrice di Villa Verucchio sarà al via nel tabellone principale del “Gran Prix Sar la Princesse Lalla Meryem”, torneo WTA 250 dotato di un montepremi di 259.303 dollari che si disputa sulla terra rossa di Rabat, in Marocco. Lucia deve difendere punti preziosi, quelli della sua prima semifinale WTA raggiunta lo scorso anno. La 24enne riminese, n.98 WTA, dovrà vedersela con la svedese Rebecca Peterson, n.87 del ranking.

Doppio a Firenze, quarti: Errani-Paolini b. Contreras-Rosca (Mex-Usa) 6-2, 6-2. Semifinali ieri sera contro Heisen-Neel (Ger-Est).

Sara Errani Firenze Ladies Open
Sara Errani (foto Germogli/Firenze Ladies Open)

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti