Cerca
Close this search box.

Open di Primavera del Tennis Club Riccione: vincono Emma Ferrini e Lorenzo Favero

Emma Ferrini e Lorenzo Favero vincono il classico torneo nazionale Open di Primavera organizzato dal Tennis Club Riccione, dotato nel complesso di 4.000 euro di montepremi conclusosi martedì 2 aprile con i due match-clou.

Nel femminile l’atto finale ha visto di fronte due romagnole in ottime condizioni di forma, la riminese Emma Ferrini e la forlivese Anita Picchi. Ha vinto 6-2, 6-3 Emma Ferrini, portacolori della Coopesaro Tennis, che dopo aver lasciato solo due games ad Alice Gubertini, ha battuto piuttosto nettamente la giovanissima portacolori del Tc Ippodromo. Primo set controllato dalla riminese che è scattata bene dai blocchi anche nel secondo set dove si è creata da sola qualche problema nel finale con alcuni errori di troppo al servizio. Comunque Emma non ha mai rischiato veramente coronando un torneo perfetto. Al termine le premiazioni effettuate dalla consigliera del Circolo, Rossella Pecci.

Nel maschile finalissima tra due giocatori di classifica 2.3, Daniele Pasini (n.4) e Lorenzo Favero (n.6). Una finale di ottimo livello, vinta da Lorenzo Favero, portacolori dello Sporting Life Center di Treviso, per 6-3, 5-7, 10-8. Poteva finire anche prima perché il giocatore trevigiano, dopo aver vinto il primo set, è stato avanti di un break anche nel secondo set, prima del ritorno del solido giocatore mantovano del Tc Guidizzolo. Al termine le premiazioni effettuate, anche in questo torneo, dalla consigliera Rossella Pecci.

In semifinale Pasini ha avuto via libera nel match che l’opponeva al marchigiano Lorenzo Battista per 6-2, 3-1 e ritiro per un problema alla spalla del suo avversario. Match-clou anche per il trevigiano Lorenzo Favero che ha superato 7-6, 6-1 Tomas Gerini.

Il giudice di gara è stato Simone Lusini, direttore di gara Moreno Pecci.

La premiazione del singolare maschile al Tc Riccione

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti