Open Ct Venustas: bella tripletta del Tc Viserba negli ottavi firmata da Zannoni, Bartoli e Zanni

Siamo ai quarti nel torneo nazionale Open maschile del Circolo Tennis Venustas di Igea Marina dotato di 1.000 euro di montepremi. Ottavi monopolizzati dai giocatori del Tennis Club Viserba, in tre vincono, con prestazioni molto convincenti, ed approdano ai quarti: Luca Bartoli, Samuel Zannoni e Diego Zanni. Disco verde negli ottavi anche per il giovane pugliese Ivan La Cava.

Ottavi: Luca Bartoli (2.6)-Pierre Rael Mayele (2.8) 6-3, 7-5, Diego Zanni (2.5)-Fabio Leonardi (2.8) 7-5, 6-0, Ivan La Cava (2.5)-Matteo Bezzi (2.8) 7-5, 6-4, Samuel Zannoni (2.6)-Alessandro Cambrini (2.8) 6-3, 6-2.

Il giudice di gara è Elisa Vandi, direttrice di gara Violanda Elezi.

Intanto avanza, sempre sui campi del Circolo Tennis Venustas, il torneo nazionale giovanile Under 10-12-14-16, il trofeo del Gelso maschile e femminile, tappa del circuito regionale.

Under 10 maschile, turno di qualificazione: Gianmaria Mussoni-Matteo Campana 6-3, 6-3, Lorenzo Saccani-Cesare Ciuffoli 6-0, 7-5. Lo stesso Saccani è nei quarti del tabellone finale. Under 10 femminile, 1° turno: Gaia Serra Zanetti-Anna Gennari 6-1, 6-1.

Under 12 maschile, 2° turno: Leonardo Tana-Giorgio Nardini 6-1, 6-1, Yari Mussoni-Federico Timpanaro 6-3, 6-3. Ottavi: Jacopo Canini-Massimo Marcolini 2-6, 6-2, 10-4.

Under 14 maschile, 2° turno: Alessandro Giannini-Enrico Curiazio 6-2, 6-2, Nicolò Neri-Tommaso Berardi 6-2, 6-2, Francesco Paolini-Lorenzo Fabbri 7-6 (4), 6-2, Luca Lorenzi-Michele Faetanini 6-1, 6-2. Nell’Under 14 femminile quarti per Shaylee Cieri.

Nell’Under 16 maschile guida il gruppo Fabio Leonardi, davanti ad Alberto Bezzi, Leonardo Gherardi ed Andrea Modenese. 3° turno: James Mohamed Aratari-Nikola Lorenzo Adamo 6-1, 6-2, Gregorio Russo-Tommaso Metalli 6-0 e ritiro. Ottavi: Filippo Parra-Nicolò Della Betta 6-1, 6-1.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti