Mattia Cerbara trionfa nel trofeo “Golfetta” al Ct Rimini

Mattia Cerbara vince il torneo nazionale di 3° categoria (limitato al 4° gruppo) organizzato dal Circolo Tennis Rimini, il trofeo “Golfetta”. Il 3.4 portacolori del Tc Valmarecchia, testa di serie n.1, ha battuto in semifinale il 3.4 Federico Paci (Ct Pavullo) per 2-6, 6-3, 10-4 ed in finale il 4.1 Giovanni Maria Monti (Tc Marconi Forlì) per 6-1, 6-2. Nell’altra semifinale vittoria di Monti per 6-0, 7-6 sul 3.4 Marco Gianfrini (n.3).

Quarti: Mattia Cerbara (3.4, n.1)-Lorenzo Marchioni (3.4, n.8) 6-1, 6-0, Federico Paci (3.4)-Pier Paolo Bencivenni (3.5) 6-2, 6-1, Giovanni Maria Monti (4.1)-Francesco Valente (3.4, n.2) 6-2, 6-2. In semifinale anche Marco Gianfrini (3.4, n.3), portacolori del Ct Cicconetti, per il forfait del suo avversario.

OPEN MARETENNIS. Primi match del tabellone finale nel torneo nazionale Open maschile del Maretennis di Bellaria, il memorial “Ezio Pretolani” dotato di 750 euro di montepremi. Conquistano il tabellone finale, tra gli altri, due allievi della Ravenna Tennis Academy al Ct Zavaglia, Leone Spadoni e Matteo Mucciarella, e Pietro Vagnini (Tc Viserba), nel main-draw subito in evidenza Massimiliano Botticelli (Tc Riccione) e Lorenzo Beraldo (Tc Faenza).

Tabellone di 3°, 3° turno: Alessandro Sartori (3.1, n.1)-Matteo Peppucci (3.2) 6-3, 6-2, Leone Spadoni (3.2)-Ruggero Avanzini (3.3) 7-5, 6-3, Pierre Rael Mayele (3.1, n.3)-Pietro Montemaggi (3.1) 7-5, 6-1, Matteo Mucciarella (3.2)-Lorenzo Bonori (3.1, n.4) 7-6 e ritiro, Jacopo Martinelli (3.3)-Alberto Bezzi (3.4) 6-2, 6-1, Pietro Vagnini (3.1)-Marco Modenese (3.2) 6-7, 6-4, 10-8. 1° turno tabellone finale: Mayele-Raymi Paci (2.8) 6-1, 6-0. 2° turno: Massimiliano Botticelli (2.7)-Giovanni Farolfi (2.7) 6-4, 6-0, Lorenzo Beraldo (2.7)-Leonardo Manghi (2.7) 6-4, 6-2.

Il torneo è diretto dal giudice arbitro Roberto Baldissari, direttore di gara Gioel Eramo.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti