La Federtennis Sammarinese si iscrive alla Billie Jean King Cup: dopo 26 anni di nuovo nella massima competizione femminile

La Federazione Sammarinese Tennis ha formalizzato l’iscrizione della squadra femminile alla prossima edizione della Billie Jean King Cup, nuova denominazione della ex Fed Cup. Dal prossimo anno, dunque, San Marino tornerà a schierare, dopo oltre un quarto di secolo dall’unica apparizione ufficiale (datata 1997), una formazione nel campionato mondiale che è l’equivalente al femminile della Coppa Davis, dove la FST partecipa ininterrottamente dal 1992.

“Siamo davvero orgogliosi di poter compiere questo passo e di poter debuttare nella Billie Jean King Cup – commenta il presidente federale Christian Forcellini -. Dare vita ad un radicato movimento al femminile era uno degli obiettivi che ci siamo posti con la creazione della Scuola Federale Tennis di San Marino.  Mentre da trent’anni partecipiamo con continuità alla Coppa Davis, la competizione a squadre maschile più importante al mondo, a livello femminile abbiamo avuto in passato ottime giocatrici, ma mai una squadra che potesse essere espressione di un movimento. L’ottimo lavoro di questi ultimi anni ci ha portato a colmare questo vuoto e a poter contare, ora, su un nutrito numero di atlete, anche in prospettiva”.

A riprova della qualità del lavoro svolto, da oggi Serena Pellandra sarà impegnata in un raduno nazionale rivolto alle migliori della Penisola nella sua categoria a Formia, sede del centro federale FIT, come era già accaduto prima di lei a Talita Giardi. Avere due atlete tra le migliori a livello nazionale, in così poco tempo, è un risultato che pochi club in Italia possono vantare.

Per San Marino si tratta di un ritorno nel Mondiale a squadre, dopo l’unica apparizione nel 1997 in quella che allora si chiamava Fed Cup: nel maggio di quell’anno, nel round robin di Gruppo II Europa-Africa ospitato sui campi dell’Ali Bey Club di Manavgat in Turchia,  le biancazzurre – convocate Francesca Guardigli e Laura Gatti – affrontarono Turchia (1-2), Etiopia (successo per 3-0), Norvegia (1-2), Portogallo (0-3) e Bosnia Erzegovina (1-2).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti