La rappresentativa di Rimini di Coppa delle Province a Vicenza

Finali Coppa delle Province: Rimini concede il bis vincente

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

La selezione di Rimini ha centrato il secondo successo in altrettanti incontri nella fase finale nazionale della 16esima edizione della Coppa delle Province, campionato italiano per rappresentative provinciali Under 10, Under 9 e Under 8, in svolgimento a Castel di Sangro fino a giovedì 22 luglio.

La selezione di ragazzi e ragazze nati nel 2011, 2012 e 2013, guidata dalle maestre Federica Cerri e Veronica Vandi, dopo aver primeggiato in Emilia Romagna ed essersi aggiudicata la fase di macroarea Nord Est disputata a Vicenza (successi su Bolzano e Trieste) guadagnandosi un posto tra i migliori otto team della Penisola, ha esordito lunedì sui campi del centro federale estivo di Castel di Sangro superando per 5-4 la squadra di Grosseto, quindi ha concesso il bis martedì imponendosi per 6-3 sui pari età di Torino. Il testa a testa con Catania – altra formazione a punteggio pieno fin qui – è dunque decisivo per assegnare il primo posto nel girone Musetti (le otto rappresentative sono state sorteggiate in due gruppi round robin, poi giovedì tutte le finali che definiranno la graduatoria conclusiva).

RISULTATI
Rimini – Torino 6-3: Riccardo Viscovo b. Pietro Tombari (R) 62 60, Serena Pellandra (R) b. Sofia Visconte 61 61, Alessandro Bacchini (R) b. Federico Garbero 75 64, Tjasa Jasbek b. Virginia Arduini (R) 60 63, Lorenzo Fanfani b. Riccardo Arcangeli (R) 61 61, Waleska Lusini (R) b. Greta Bolzenaro 62 60; doppi: Pietro Tombari/Alessandro Casanova (R) b. Riccardo Viscovo/Gianluca Grieco 64 76(2), Serena Pellandra/Rachele Sabbioni (R) b. Ginevra Grande/Sofia Visconte 76(5) 67(5) 9-7, Alessandro Bacchini/Iona Bala (R) b. Federico Garbero/Tjasa Jasbek 60 64.

Rimini – Grosseto 5-4: Pietro Tombari (R) b. Niccolò Brogi 60 63, Rachele Saleppico b. Serena Pellandra (R) 60 61, Alessandro Bacchini (R) b. Giorgio Chechi 63 36 7-4, Carolina Pacini b. Virginia Arduini (R) 60 60, i riminesi Pietro Galimberti e Waleska Lusini vincono per rinuncia; doppi: Pietro Tombari/Alessandro Casanova (R) b. Niccolò Brogi/Leonardo Giabbani 76(4) 63, Rachele Saleppico/Livia Brassi b. Serena Pellandra/Rachele Sabbioni (R) 64 67(5) 7-4, Carolina Pacini/Spartaco Neri b. Alessandro Bacchini/Virginia Arduini (R) 76(6) 16 7-2.

Questa la composizione al completo della squadra di Rimini (tra parentesi circoli di appartenenza e maestri):
Marta Bertozzi 2011 (CT Viserba, Marco Mazza)
Serena Pellandra 2011 (Cast San Marino, Alice Balducci)
Diletta Sabbioni 2011 (CT Cicconetti, Alessandro Tosi)
Alessandro Casanova 2011 (CT Casalboni Santarcangelo, Luca Casanova)
Alessandro De Pascalis 2011 (TC Riccione, Federica Cerri)
Pietro Tombari 2011 (TC Riccione, Federica Cerri)
Alessandro Bacchini 2012 (TC Riccione, Federica Cerri)
Virginia Arduini 2012 (CT Cerri Cattolica, Davy Arcangeli)
Ioana Bala 2012 (TC Riccione, Federica Cerri)
Waleska Lusini 2013 (GT Rivazzurra, Laura Marconi)
Riccardo Arcangeli 2013 (CT Cerri Cattolica, Davy Arcangeli)
Pietro Galimberti 2013 (Team, Giorgio Galimberti)
Francesco Paganelli 2012 (CT Casalboni Santarcangelo, Luca Casanova)

Tra le otto formazioni partecipanti alla fase finale c’è anche la rappresentativa di Bologna, che schiera alcuni under di scuola romagnola, in particolare Emma Lanzoni e Thomas Mazzanti, classe 2011 del Ct Cacciari Imola, e gli under 8 Robert Cadar e Sofia Foggia, tesserati per il Ct Massa Lombarda e seguiti dal maestro Ronnj Capra.
Il team felsineo, inserito nel girone Sinner, dopo la sconfitta al debutto per 63 con Avellino, nella seconda giornata ha ceduto per 5-4 a Roma.

La formazione di Rimini vincitrice della fase regionale della
La formazione di Rimini vincitrice della fase regionale della Coppa delle Province
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti