Federico Gaio

Atp Cagliari: Gaio “pesca” Djere, Forti al via nelle qualificazioni

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Ci sarà anche Federico Gaio tra i protagonisti del tabellone principale del “Sardegna Open”, torneo ATP 250 in programma al Tennis Club Cagliari dal 4 all’11 aprile, che apre in pratica la stagione sulla terra rossa in contemporanea con Marbella.

Il 29enne tennista faentino, numero 142 del ranking mondiale, avrebbe dovuto prendere parte alle qualificazioni, ma la cancellazione in extremis di Salvatore Caruso, vittima di un’infezione intestinale, ha fatto entrare direttamente nel main draw Lorenzo Musetti, al quale era stata assegnata una delle tre wild card per il tabellone principale (Thomas Fabbiano e Giulio Zeppieri le altre due). L’invito del Next Gen carrarino è dunque passato al giocatore romagnolo che al 1° turno affronterà il serbo Laslo Djere, n.57 del ranking e campione in carica, che si è sempre imposto in due set in entrambe le sfide precedenti.

Sabato si è svolto il sorteggio del tabellone principale del torneo sardo (direttore Giorgio Di Palermo) che arricchisce la stagione di grandi eventi in Italia. Anticipa infatti gli Internazionali BNL d’Italia di maggio a Roma, il WTA 250 di Palermo al Country Club a luglio, le Next Gen ATP Finals di Milano e la prima edizione italiana delle Nitto ATP Finals di Torino, grandi appuntamenti ai quali si potrebbe aggiungere anche la Coppa Davis (due gironi e un quarto di finale), sempre nel capoluogo piemontese.

Al via nelle qualificazioni c’è anche il cesenaticense Francesco Forti: il portacolori del CT Massa Lombarda, in gara con una wild card, debutta contro l’austriaco Juri Rodionov, quarta testa di serie delle “quali”.

Francesco Forti
Francesco Forti (foto FIT/Giampiero Sposito)
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti