Franco Agamenone

Challenger Atp Carpena: Agamenone vince una battaglia…epica e vola nei quarti

Sono diventati due i giocatori italiani nei quarti di finale del “Città di Forlì”, terzo Challenger consecutivo (dotato di un montepremi di 45.730 euro) che si sta disputando sul veloce indoor del Tennis Club Villa Carpena. Franco Agamenone, n.189 Atp (best ranking per lui), al secondo turno ha infatti sconfitto per 6-4, 6-2, in poco più di un’ora di gioco, il giapponese Kaichi Uchida, n.263 Atp, passato attraverso le qualificazioni. Il 28enne italo-argentino di Rio Cuarto venerdì si giocherà un posto in semifinale con il tedesco Cedrik-Marcel Stebe, n.247 Atp, mai affrontato prima.

Aveva già staccato mercoledì il pass per i quarti Gian Marco Moroni: il 23enne romanon.205 Atp, dopo l’affermazione sul cinese di Taipei Tung-Lin Wu, n.268 Atp, venerdì troverà dall’altra parte della rete il francese Quentin Halys, n.148 del ranking e seconda testa di serie, che si è aggiudicato in rimonta il derby con il connazionale Manuel Guinard, n.244 Atp: non ci sono precedenti tra “Jimbo” e il 25enne di Bondy. Eliminati al secondo turno invece Andrea Pellegrino, n.221 Atp, in tabellone con una wild-card, che ha ceduto di misura al mancino portoghese Frederico Ferreira Silva, n.239 Atp, e Stefano Napolitano, n.483 Atp, pure lui in gara con una wild card, sconfitto dal canadese Vasek Pospisil, n.138 della classifica mondiale e primo favorito del seeding.

Risultati 2° turno: Vasek Pospisil (Can, n.1)-Stefano Napolitano (wild-card) 6-3, 6-4, Quentin Halys (Fra, n.2)-Manuel Guinard (Fra) 5-7, 6-1, 6-2, Franco Agamenone-Kaichi Uchida (Jpn, qualificato) 6-2, 6-4, Lukas Rosol (Cze, qualificato)-Borna Gojo (Cro, qualificato) 6-4, 6-7 (4), 6-4, Cedrik Marcel Stebe (Ger)-Jay Clarke (Gbr) 6-3, 6-3.

Doppio, quarti: Cornea-Fallert (Rou-Ger) b. Doumbia-Reboul (Fra, n.2) 4-6, 7-6 (4), 10-5, Forejtek-Sels (Cze-Ned) b. Erler-Miedler (Aut, n.3) 7-6 (5), 4-6, 10-4, Margaroli-Zuk (Sui-Pol) b. Halys-Olivetti (Fra) 6-4, 3-6, 10-6, Eysseric-Zelenay (Fra-Svk) b. Agamenone-Pellegrino 6-7 (3), 6-3, 10-6.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti