Zapata-Gadea e Capitani-Duran

FIP Rise Padel Club Riccione: le coppie favorite centrano le finali

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Ha scelto le coppie finaliste, al termine di un’intensa giornata di sfide a colpi di bandeja, vibora e globo, il trofeo Plastiletorneo FIP Rise (maschile e femminile), tappa del Cupra FIP Tour 2021 con montepremi complessivo di 5100 euro sui campi del Padel Club Riccione fino a domenica 30 maggio.

I binomi sulla carta più accreditati hanno tenuto fede al loro ruolo, a cominciare dagli  spagnoli Teo Zapata Pizarro (n.77 World Padel Tour) e Ignacio González Gadea, attualmente numero 48 del ranking WPT: la coppia numero uno del seeding, dopo aver regolato in due set nei quarti Simone Cremona (campione italiano in carica e trionfatore del circuito Slam 2020, recente semifinalista a Catania) e Dario Cassetta, ottava testa di serie, in semifinale non ha concesso chance (63 62) all’altro spagnolo Raul Marcos Duran (n.80 WPT, recente vincitore a Catania con Juan Manuel Restivo) e all’esperto Marcelo Capitani, dominatore della passata stagione in Italia e responsabile tecnico delle nazionali azzurre giovanili, binomio numero 3 del seeding, che in tarda mattinata con un periodico 63 avevano sbarrato la strada agli emergenti Lorenzo Di Giovanni e Riccardo Sinicropi (in aprile vincitori del FIP Promotion al Ruffini Torino)

A contendere loro il trofeo (la finale maschile è programmata alle ore 13.30, mentre quella femminile inizia alle 10, entrambe con diretta su SuperTennix, sulla pagina Facebook FIT Padel e sui canali social della Federazione Internazionale Padel) saranno Nicolò Cotto e Dario German Tamame (n.85 WPT), quarta testa di serie, che nella parte bassa del tabellone si sono imposti per 64 63 in semifinale sui giovani iberici Cabeza/Casas, numero 7 del seeding, in mattinata vincitori nei quarti per 62 62 su Federico Beltrami e il messicano Mauricio Lopez Algarra.

FIP Rise Riccione: La Monaca-Petrelli e Pappacena-Paz
La Monaca-Petrelli e Pappacena-Paz prima della semifinale

Nel doppio femminile staccano senza patemi il pass per l’ultimo atto la pluriscudettata Chiara Pappacena (n.68 WPT) e l’argentina Celeste Paz (n.39 WPT), prima testa di serie, che si sono sbarazzate con un periodico 62 di Carolina Petrelli e Alessia La Monaca, numero 4 del seeding.
Nell’altra semifinale Valentina Tommasi ed Emily Stellato, altro binomio che frequenta il tour internazionale, terza testa di serie, hanno fermato per 63 63 la corsa delle pugliesi Sara D’Ambrogio (ormai romagnola d’adozione) e Claudia Noemi Cascella, protagoniste nei quarti dell’eliminazione per 63 76 delle spagnole Albertì e Martinez (n.60 WPT), seconde favorite del torneo.

RISULTATI

Semifinali maschili: (1) Gadea/Zapata (Esp) b. (3) Duran/Capitani (Esp/Ita) 63 62, (4) Tamame/Cotto (Ita) b. (7) Cabeza/Casas (Esp) 64 63.

Semifinali femminili: (1) Pappacena/Paz (Ita/Arg) b. (4) Petrelli/La Monaca (Ita) 62 62, (3) Tommasi/Stellato b. Cascella/D’Ambrogio (Ita) 63 63.

FIP Rise Riccione: Cabeza-Casas e Cotto-Tamame
Cabeza-Casas e Cotto-Tamame prima del match di semifinale
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti