Maria Sole Ugolini (Padel Club Riccione)

Maria Sole Ugolini: “Sogno i Mondiali partendo dal Padel Club Riccione”

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Nell’ottobre 2019 ha difeso i colori dell’Italia ai Mondiali giovanili di Castellon (Spagna) e ora Maria Sole Ugolini sogna un futuro da protagonista nel padel, uno degli sport che più sta crescendo, nel nostro Paese ma non solo. La 17enne del Padel Club Riccione (in quell’edizione della rassegna iridata junior faceva coppia con Caterina Calderoni di Massa Lombarda, mentre tra le convocate c’era anche Lucia Di Ghionno, altra giovane atleta della Perla Verde) si racconta in un’intervista al ‘Corriere dello Sport-Stadio’, spiegando come il suo percorso parta dallo squash, disciplina che proprio a Riccione ha il suo centro tecnico federale e che praticava fino a un anno fa, dividendosi fra i due tipi di racchetta.

Poi mi hanno chiamato per disputare i Mondiali giovanili di padel in Spagna e ho deciso di concentrarmi su un solo sport – spiega Maria Sole, una delle baby più promettenti della Penisola, nelle pagine ‘Padel Social Club’ che escono ogni martedì sul quotidiano sportivo nazionale – Quando avevo 13 anni hanno inaugurato i campi a Riccione. Mi dissero di provare e solo col tempo ho capito che questo doveva essere il mio sport. Venendo dallo squash, me la cavo con le pareti. ll mio colpo preferito è lo smash. Diciamo che mi sento un uomo per la pesantezza che do alla palla“.

Una caratteristica che l’ha proiettata in orbita azzurra, grazie all’occhio esperto di un’altra big del padel, ormai di casa da queste parti. “Sara D’Ambrogio, tecnico della Nazionale giovanile, mi ha visto giocare e mi ha chiamato. Mi alleno con Antonio Mami al Padel Club Riccione di Luigi Capodagli, uno dei soci fondatori. Futuro? Vado a piccoli passi, vediamo a 22-23 anni a che punto sono. Spero di raggiungere i livelli della campionessa italiana Chiara Pappacena. Intanto sogno i Mondiali. Marcelo Capitani mi ha detto che ho un bel potenziale. So che crede in me“.

Intanto lavora per costruirsi il futuro, in un ambiente – quello del Padel Club Riccione, che fa comunque parte dell’ambizioso progetto del Tennis Club della Perla Verde del presidente Moreno Pecci – dove si respira sport a 360 gradi, puntando in particolare sui giovani. Anche con il desiderio di aiutare ragazzi e ragazze come Maria Sole Ugolini a realizzare i loro sogni…

Mondiali junior padel: caterina calderoni e Maria Sole Ugolini
Maria Sole Ugolini (seconda da sinistra) e Caterina Calderoni con il tecnico Sara D’Ambrogio ai Mondiali junior padel 2019 in Spagna
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti