Tricolori U13: quarti per Giulia Dal Pozzo e finale in doppio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Giulia Dal Pozzo grande protagonista ai campionati italiani under 13 femminili, ormai in dirittura d’arrivo sui campi in terra battuta del Circolo Tennis Bologna. La giovane italo-sammarinese, figlia di Francesca Guardigli, la miglior giocatrice a livello internazionale nella storia del Titano, ha infatti raggiunto i quarti in singolare e la finale nel torneo di doppio.  

Nello storico club dei Giardini Margherita la mancina (classifica 3.3) tesserata per il Tennis Club Valmarecchia ha esordito al secondo turno battendo 60 63 Bianca Caselli (3.2, Circolo Tennis Firenze), quindi si è ripetuta negli ottavi superando per 63 75 Marcella Dessolis (2.8, Tennis Club Cagliari), per poi cedere con il punteggio di 57 62 63 alla marchigiana Federica Urgesi (2.7, Circolo Tennis Fano) nel match che valeva l’ingresso in semifinale. 

Giulia Dal Pozzo, “figlia d’arte”

Secondo turno per la lughese Asia Bacchilega (3.3, Easy Tennis), che ha debuttato rifilando un doppio 60 a Francesca Candellieri (3.4, Tennis Club Cosenza) prima di venire stoppata per 60 64 da Valentina Trevisan (3.1, Tennis Club Mestre). 

Asia Bacchilega (Easy Tennis) in una foto d’archivio

Nel torneo di doppio – 16 coppie in gara – Giulia Dal Pozzo, insieme ad Anna Paradisi (2.7, Circolo Tennis Firenze), ha tenuto fede al ruolo di seconda testa di serie con le affermazioni per 60 61 su Claudia Soro/Martina Quattrocchi, Anita Pantezzi/Julia Peer (per assenza) e in semifinale su Elettra Gradassi/Valentina Trevisan, numero 3 del seeding, per 63 36 10-8. Nel testa a testa che vale lo scudetto, sabato pomeriggio, sfideranno le principali favorite, ovvero Benedetta Sensi/Federica Urgesi, entrambe classificate 2.7 e impegnate in precedenza anche nella semifinale del singolare.

Proprio il tandem Sensi/Urgesi ha imposto l’alt nei quarti a Bacchilega e Ludovica Azzolini (Circolo Tennis Bologna), che all’esordio avevano regolato 62 75 Noemi La Cagnina/Marta Giglio.

TABELLONI SINGOLARE E DOPPIO

TABELLONE QUALIFICAZIONI

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti