Filippo Scala

Padel: Filippo Scala si piazza nei quarti al Fip Rise di Roma

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Filippo Scala, con il piazzamento nei quarti di finale, è stato il migliore tra i romagnoli presenti al torneo FIP Rise – K-Lab Open del Villa Pamphili Padel Club di Roma (5100 € il montepremi totale), primo appuntamento italiano del Cupra FIP Tour 2021 che metteva in palio per i vincitori un gruzzoletto di 20 punti per il ranking WPT-FIP (10 ai finalisti).

Nella competizione maschile (ben 109 coppie iscritte) l’atleta imolese e Daniele Cattaneo hanno esordito nel ‘Cuadro Final’ (tabellone principale a 32 posti) piegando 63 36 75 Federico Scarà e Flavio De Lucia provenienti dalle qualificazioni, poi negli ottavi hanno sconfitto 62 62 Gianluca Di Salvia e Daniele Catini, prima di essere fermati nei quarti per 63 64 dalla coppia formata da Emanuele Fanti e Michele Bruno, ottava testa di serie.

Nel doppio femminile – 44 binomi al via – ottavi di finale per il binomio composto da Camilla Scala e Giulia Pasini: dopo il successo d’esordio (61 64) su Federica Spazzacampagna e Francesca Romano è arrivato lo stop per 64 63 contro l’argentina Julieta Bidahorria e l’altra italiana Isabella Cafieri, numero 3 del seeding.

Identico risultato (ottavi) per Martina Camorani al fianco di Francesca Campigotto, con affermazione per 61 62 al primo turno su Valeria Leri e Valeria Brunetti e poi sconfitta per 63 75 con Carolina Petrelli Schiavini e Annalisa Bona, ottava testa di serie.

La prima tappa nella Penisola del circuito organizzato dalla Federazione Internazionale Padel – a fine maggio è in calendario un torneo anche a Riccione – per i protocolli di sicurezza con le misure anti-Covid si è disputata a porte chiuse, senza la presenza di pubblico (il club capitolino ha aperto solo per questo evento).

Camilla Scala e Giulia Pasini (a destra) qui premiate per il terzo posto all’Open di Cesena

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti