Roberta Vinci e Camilla Scala sorridenti dopo il successo in Piemonte

Padel, Camilla Scala vince con… la Vinci: “Che onore dividere il campo con lei”

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Non è stata inserita fra le otto convocate azzurre per gli Europei di Marbella, ma Camilla Scala ha comunque trovato un bel modo per consolarsi. La giocatrice imolese si è infatti aggiudicata l’Open femminile da 3.000 euro di montepremi del Villaforte Tennis di San Salvatore Monferrato, in Piemonte, al fianco di una leggenda del tennis italiano come Roberta Vinci, al suo primo torneo nella “gabbia”.

E dopo i trionfi in tutto il mondo accanto a Sara Errani (5 Slam nel loro palmares e lo status di numero 1 della classifica WTA) ora un nuovo successo, al primo colpo, in coppia con un’altra romagnola. “Ci eravamo già conosciute per via del tennis – racconta la giocatrice imolese, classe ‘94 – e qualche tempo fa ci siamo trovate l’una contro l’altra in allenamento, in un doppio misto per divertimento. Da lì in avanti è capitato di sentirci qualche volta, fino a quando è nata l’idea di provare a fare questo torneo, con qualche messaggio scambiato nella chat di Instagram”. 

Roberta Vinci e Camilla Scala festeggiano
Roberta Vinci e Camilla Scala festeggiano il successo

Per il momento, dunque, nessun progetto comune nel mondo della pala, ma solo la voglia di giocare un torneo insieme, divertirsi e vedere come va. E l’esperimento è pienamente riuscito. “Sono davvero contentissima – dice ancora la Scala, arrivata fra le prime 400 del ranking WTA un paio d’anni fa – di avere avuto la possibilità di giocare in coppia con lei. L’ho sempre ammirata, quando giocava a tennis era una delle mie preferite, se non la mia preferita. Poter dividere il campo da padel con lei è stato davvero un grande onore”.

Una partnership nata quasi per caso, tanto che prima del torneo nell’Alessandrino le due avevano avuto modo di giocare insieme una sola volta, ma azzeccata alla prova del campo, dove le due si completano bene: la tarantina, ex numero 7 della classifica Wta di singolare, disegna il gioco da destra, Camilla accelera più che volentieri da sinistra e il feeling è arrivato in fretta. Nel loro cammino Vinci e Scala hanno vinto sempre senza particolari difficoltà, eliminando nei quarti di finale Valentina Azzali e Clarissa Aima (6-3 6-3), in semifinale Francesca Campigotto e Marianna Leo (6-3 6-3) e in finale Manuela Savini e Annalisa Bona, superate per 6-1 6-3 in un match mai in discussione.

La premiazione di Roberta Vinci e Camilla Scala
La premiazione di Roberta Vinci e Camilla Scala

“Scusa tennis, mi sono fatta l’amante”. È la frase con cui Roberta Vinci, attraverso un video su Instagram, aveva voluto annunciare ai suoi followers il ritorno in campo, non nel tennis ma nel padel. Di indizi sui social ce n’erano stati molti, in particolar modo le sfide sempre più frequenti a Roma con Karin Knapp e altre ex colleghe, ma l’ex finalista degli US Open aveva sempre allontanato l’ipotesi di disputare dei tornei, anche solo a livello nazionale. Però nel fine settimana che segnava l’inizio dell’estate la pugliese aveva giocato per la prima volta anche nelle gare a squadre, scendendo in campo nella sfida di Serie C – l’ultima del girone – fra la sua squadra Milano Padel GETFit, con cui disputerà i playoff per la promozione in B. E ora questo titolo insieme a Camilla Scala, sorella del top-10 italiano Filippo, che potrebbe alimentare lo spirito agonistico che ancora vive dentro Robertina.

Chissà se è nato un binomio che farà parlare di sé in questo sport con le pareti, però l’idea di vedere applicate al padel la tecnica e le geometrie della Vinci, con quei colpi che hanno conquistato Australian Open, Roland Garros, Wimbledon, Us Open, Roma e tanti altri grandi tornei, è una suggestione sempre più stuzzicante, prima di tutto anche per la diretta interessata.

Roberta Vinci e Camilla Scala
Roberta Vinci e Camilla Scala con la coppa del torneo Open al Villaforte Tennis di San Salvatore Monferrato
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti