Cerca
Close this search box.

Due ragazze palleggiano… sul tetto, da un palazzo all’altro – Il video

Due ragazze che palleggiano sul tetto di due palazzi uno di fronte all’altro, con in mezzo il… vuoto.
Dopo oltre un mese di quarantena, nonostante gli esercizi fisici quotidiani che i loro allenatori inviano tramite social, la voglia di imbracciare la racchetta ha preso il sopravvento e Vittoria Oliveri di 13 anni e Carola Pessina di 11 in cima ai rispettivi edifici si sono cimentate tra antenne tv e camini, scavalcando a ogni lancio il baratro e filmando i loro scambi.

Il video è stato inviato al loro maestro, del Tennis Club Finale Ligure, che lo ha postato su Facebook e, potenza della Rete…, è diventato virale: è stato pubblicato sui social di Atp Tour (lo hanno condiviso diversi giocatori, tra cui Stefanos Tsitsipas, e il presidente Andrea Gaudenzi), Repubblica, Secolo XIX, Gazzetta dello Sport, su diverse agenzie di stampa internazionali (fra cui France Presse) oltre che sulle testate locali, finendo per meritarsi pure un servizio su Sky Sport.

Appena ho ricevuto il video ho visto che era bellissimo – racconta il loro allenatore, Dionisio Poggima non mi aspettavo che avesse un successo del genere. A tutti i ragazzi del nostro team ho chiesto di mandarmi dei video con momenti dei loro allenamenti casalinghi e tutti lo stanno facendo, come e dove possono. Le ragazze sono al settimo cielo, la fortuna le ha premiate, ma sono state bravissime a inventarsi un modo così coreografico di giocare“.

Le giovani, però, hanno un solo desiderio: tornare al più presto a giocare su un campo vero. “Crediamo che questo video abbia rappresentato una pubblicità straordinariamente positiva per il nostro sport – è il commento del Tennis Club Finale – e ci auguriamo contribuisca a farci tornare presto in campo, sempre ovviamente in assoluta sicurezza. Un abbraccio a tutti coloro che hanno condiviso il nostro filmato, rendendolo virale e garantendogli un successo planetario“.

Vale la pena ammirarle, ma con l’avvertenza di non imitarle se si rischia di fare danni a qualcosa che è sotto…

 

  

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti