Junior Tour Pescara: finale per Bagnolini e Artimedi, che vince il doppio (come Baldisserri)

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Daniel Bagnolini e Andrea Maria Artimedi sono in finale nel torneo Itf Junior Tour di Pescara (Grade 5, terra).
Nel maschile
grande prova del giovane romagnolo che, partito dalle qualificazioni, ha raggiunto il match clou battendo nei quarti lo svizzero Dylan Dietyrich, numero 8 del seeding, per 7-5 6-2, ed in semifinale eliminando il siciliano Gabriele Piraino (n.1) per 2-6 6-3 6-3. Sabato a contendergli il titolo Bagnolini troverà Mariano Tammaro, quinto favorito del tabellone, che con un periodico 6-2 ha sbarrato la strada al forlivese Nicola Filippi (Forum) protagonista di un buon torneo (nei quarti ha eliminato per 3-6 6-4 6-2 il n.2 Daniele Minighini).

Nel doppio maschile successo dell’imolese Enrico Baldisserri che, in coppia con Gabriele Piraino (n.2) ha superato in finale Ciavarella-Minighini (n.1) per 6-3 6-4.

Nel femminile vola all’atto finale Andrea Maria Artimedi (n.5), allieva della Galimberti Tennis Academy, che negli ottavi si è imposta 6-4 6-2 su Fabrizia Cambria, nei quarti ha eliminato per 7-6 (2) 3-6 6-4 Francesca Pace, prima di sconfiggere Chiara Fornasieri, seconda favorita del tabellone, per 6-3 6-4. Ora la finale contro la ceca Klara Novakova, prima favorita del torneo.
La stessa Artimedi, in coppia con Federica Urgesi (n.1), ha vinto il doppio concedendo il bis dopo il trofeo conquistato sette giorni fa a Tremosine, sul Lago di Garda: dopo il successo nei quarti per 7-5 6-3 su Pomarolli-Rowinska (Ita-Pol), le due in semifinale hanno sconfitto per 6-1 7-6 (6) Erika Di Muzio e Chiara Fornasieri, per completare il loro percorso con il 6-3 6-2 in finale su Camilla Gennaro ed Emma Rizzetto.

Premiazione a Pescara: Andrea Maria Artimedi (con accanto il tecnico Toni Lo Paro) e Federica Urgesi insieme a Tathiana Garbin 
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti