Cerca
Close this search box.

Tennis Viserba in paradiso: 5-1 all’esordio in A2 all’Ata Trento

Strepitoso. Non c’è aggettivo migliore per definire lo storico esordio del Tennis Club Viserba in serie A2 maschile. Perché vincere sui campi dell’Ata Trentino di Trento non è impossibile, diventa tutto straordinario se si vince 5-1 contro uno squadrone, con una prova di carattere ed un’autorevolezza che confermano le grandi qualità di gruppo della formazione viserbese. Che sia stata una vittoria del cuore e della determinazione lo dimostra il fatto che tre match su sei sono andati al super tie-break che sostituiva il 3° set, e che anche gli altri tre match sono stati molto combattuti. Alla fine ha prevalso lo spirito di gruppo inconfondibile di questa squadra, che gioca insieme da anni, e che è composta da grandi amici, oltre che da ottimi giocatori.

Roberto Rinaldi con Francesco Giorgetti ed Alessandro Canini

Inizia così, con una larga vittoria, l’impegno della formazione romagnola nel 5° girone di qualificazione. Tutti i giocatori schierati dal capitano Marco Mazza hanno fornito il massimo delle loro possibilità, almeno in questa fase della stagione così particolare per il problema Coronavirus. Per molti infatti quello di domenica è stato il primo match ufficiale dopo diversi mesi. Per Francesco Giorgetti, Alberto Bronzetti e Alessandro Canini è arrivata una strepitosa doppietta, in singolare e doppio, ma Manuel Mazza, nel confronto dei numeri 1, ha reso la vita difficile al lituano Laurynas Grigelis, e poi in doppio, con Bronzetti, ha portato a casa il punto del 5-1.

E pensare che il confronto era iniziato male, con Stefano Galvani, neo responsabile del settore tecnico della Federazione Sammarinese, facile nel 1° set su Giorgetti, e Mattia Bernardi sul velluto su Bronzetti, poi con il passare dei game e sotto il sole di Trento che favoriva chi arrivava a questo match nelle migliori condizioni fisiche, i riminesi hanno preso le misure agli avversari, gli incontri si sono fatti molto equilibrati e nei long-tie break finali i più freschi erano i due romagnoli.
Come detto, Manuel Mazza ha tenuto testa al più quotato Grigelis, ex n.183 del ranking mondiale Atp, molto importante il quarto singolare vinto da Alessandro Canini su Davide Ferrarolli: nel terzo set il bellariese è andato a servire sul 9-5, il trentino è risalito fino a 8-9, poi Canini ha chiuso in un delicato finale sfruttando il quarto match point a disposizione. Sul 3-1 Viserba ha vinto i doppi sulle ali dell’entusiasmo.

Il capitano Marco Mazza commenta raggiante: “E’ stata la vittoria del gruppo perché oltre ai ragazzi che sono scesi in campo sono stati determinanti anche Andrea Calogero, Diego Zanni, Luca Bartoli e Samuel Zannoni che hanno lottato in tribuna come se fossero in campo. E’ il gruppo che ci rende forti. Tutti hanno dato il massimo e quando in campo si dà il massimo si esce comunque vincitori, in questo caso anche il risultato ci premia e quindi la vittoria è doppia”.
La squadra riminese è stata seguita in questa trasferta dal vicepresidente Roberto Rinaldi e dal segretario Ivano Monticelli, come pure da un caloroso gruppo di sostenitori. Per loro la soddisfazione di essere stati presenti a un momento storico per il Tennis Club Viserba.

Giorgetti e Canini in dolce compagnia

Domenica 12 luglio per il Tc Viserba esordio in casa contro il Tc Vomero di Napoli che ha in formazione stranieri come il portoghese Frederico Ferreira Silva (1.15), l’olandese Robin Haase (1.15), in campo nella giornata d’apertura contro Treviglio, il rumeno Marius Copil (1.5) e lo spagnolo Daniel Gimeno Traver (2.1). Per regolamento può essere schierato un solo straniero a giornata.

Risultati: Francesco Giorgetti (2.3)-Stefano Galvani (2.2) 1-6 6-4 10/4, Alberto Bronzetti (2.4)-Mattia Bernardi (2.4) 2-6 6-3 10/6, Laurynas Grigelis (2.1)-Manuel Mazza (2.3) 6-4 7-6 (4), Alessandro Canini (2.4)-Davide Ferrarolli (2.4) 6-3 1-6 10/8. Doppi: Giorgetti-Canini b. Grigelis-Bernardi 6-3 6-3, Mazza-Bronzetti b. Galvani-Ferrarolli 6-3 4-6 10/7.

 

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti