Nell’Under di Viserba festeggiano Ovarelli, Ghiselli, Butti, Moroni, Giovagnoli, Briganti, Iemmi e Pansica

Gran finale domenica 9 agosto per il torneo nazionale giovanile del Tennis Club Viserba. Ecco tutti i vincitori premiati dal presidente Marco Paolini, dal vicepresidente Roberto Rinaldi e dal giudice arbitro Antonio Giorgetti (assistente Luca Di Marco).

Under 10. Nel femminile Arianna Ovarelli (At Piansevero) ha battuto in finale 6-1 6-4 Vittoria Magnani (Ct Cesena), mentre nel maschile vittoria di Edoardo Ghiselli (Country Club Villanova) su Lorenzo Neri per 6-2 6-1.

La premiazione dell’Under 10 femminile
I due finalisti dell’Under 10 maschile al TC Viserba

Under 12. Luca Butti (testa di serie numero 2) ha trionfato nel maschile. Il portacolori del Gt Rivazzurra, dove si allena alla Pro Tennis School, ha sconfitto in finale 6-4 6-3 Alessandro Pesaresi. Nel femminile la più brava di tutte è stata Camilla Moroni (Ct Casalboni) che in finale ha regolato Francesca Sparnacci (Tc Riccione) per 6-3 6-2.

La premiazione dell’Under 12 maschile
La premiazione dell’Under 12 femminile

Under 14. Nel femminile trionfa la beniamina di casa Letizia Giovagnoli grazie alla vittoria in finale su Silvia Alletti per 7-6 6-2, nel maschile brilla Pietro Briganti (n.1), allievo della Ravenna Tennis Academy e portacolori del Ct Zavaglia, che nel match clou si impone per 6-4 7-6 su Andrea Bacchini (Tc Riccione).

Andrea Bacchini e Pietro Briganti (under 14 maschile)

Under 16. Nel maschile Niccolò Iemmi (Ct Albinea), testa di serie n.4, ha battuto in finale Riccardo Agabiti Rosei per 6-0 6-1. Nel femminile sale sul gradino più alto la santarcangiolese Sveva Azzurra Pansica, allieva della Galimberti Tennis Academy, che in finale ha superato per 7-6 6-2 Alexia Patricia Diaconescu.

I finalisti dell’Under 16 maschile, Iemmi ed Agabiti Rosei
Le finaliste dell’Under 16 femminile, Diaconescu e Pansica
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti