La squadra del Tennis Viserba che ha centrato la promozione in serie B maschile è stata ricevuta venerdì 30 novembre in Comune a Rimini dall’assessore allo sport, Gianluca Brasini. Il miglior risultato di sempre a livello di squadre del Tennis Viserba, la conquista della serie B, ha ottenuto il pubblico riconoscimento da parte dell’amministrazione comunale. Protagonista la formazione che ha fatto l’impresa, composta da Manuel Mazza, Alessandro Canini, Alberto Bronzetti, Francesco Giorgetti e Diego Zanni, con i tecnici Luca Gasparini e Marco Mazza ed i dirigenti, il presidente Marco Paolini, il vicepresidente Roberto Rinaldi ed il consigliere Ivano Monticelli. 

La squadra del Tennis Viserba in Piazza Cavour, davanti al Comune di Rimini

Rinaldi a nome del circolo ha ringraziato l’amministrazione, poi ha sottolineato: “Questi ragazzi hanno compiuto un’impresa storica, per il circolo e la città, hanno conquistato la serie B nazionale nello spareggio con il Ct Milano Bonacossa. Per noi però questo risultato è un punto di partenza, l’ambizione di salire nella massima serie c’è. Credo che i ragazzi si meritino questo riconoscimento, hanno dato lustro alla città di Rimini”.

L’assessore Brasini, uomo di sport, si è complimentato con la squadra e con il circolo: “Lo dico da malato di tennis, la mia grande passione, seppure abbia conosciuto questo sport in età matura. E’ uno sport dove conta tanto l’aspetto mentale, si deve imparare ad essere resilienti, migliorare attraverso le tante sconfitte e frustrazioni, anche i grandi campioni ci sono passati e credo che questo sia l’aspetto più sfidante del tennis. Sono contento che a Rimini ci siano realtà come il Tennis Viserba, con un settore tecnico all’avanguardia, con maestri di grandissimo livello. E mi fa anche piacere che sia un circolo di periferia, anche se ormai a Rimini non c’è più una vera e propria periferia, il motore di questo sport”.

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] La squadra del Tennis Viserba promossa in B premiata dal Comune di Rimini […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *