Francesca Schiavone con Giorgio Galimberti al Queen's Club di Cattolica

Francesca Schiavone in visita al Queen’s Club Cattolica. Galimberti: “Tanto interesse per il nostro nuovo centro sportivo”

Si allunga la lista degli ospiti illustri al Queen’s Club di Cattolica, a conferma di come il nuovo complesso sportivo stia attirando crescenti attenzioni, tra gli addetti ai lavori e non solo.

Nella giornata di venerdì 22 luglio la struttura in via Leoncavallo, nell’area del vecchio Circolo Tennis Cattolica, dove ha sede la Galimberti Tennis Academy, ha infatti ricevuto la visita di Francesca Schiavone, una delle giocatricipiù vincenti nella storia del tennis italiano: trionfatrice al Roland Garros nel 2010 e finalista sempre a Parigi l’anno seguente, quando ha raggiunto al quarta posizione nel ranking mondiale, vincitrice di 8 titoli WTA e 7 in doppio, oltre a tre Fed Cup. La 42enne milanese, che si è di recente aggiudicata il doppio Legends insieme a Flavia Pennetta agli Open di Francia, appena la settimana scorsa ha presentato il progetto “Schiavone Team Lab” ad elevato valore professionale, che sarà portato avanti da settembre in due club lombardi: Aspria Harbour Club Milano e Sporting Club Marconi.

A guidare la “Leonessa” alla scoperta dei tanti servizi che offre il Queen’s Club Cattolica è stato proprio Giorgio Galimberti. “Dopo Andrea Bargnani, primo cestista europeo ad essere chiamato al numero uno del draft Nba, è venuta a trovarci un’altra campionessa – sottolinea con un pizzico d’orgoglio l’ex davisman azzurro – e questo fa capire quale e quanto sia l’interesse per il nostro centro, all’avanguardia nella qualità di servizi e nei programmi. Ricordo che la cerimonia di inaugurazione ufficiale sarà nella prima metà di settembre, con una festa ad effetto con la presenza di campioni del tennis e non solo. Ma avremo modo di fornire poi in seguito ulteriori dettagli”.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti