Serie A1: la squadra del Circolo Tennis Massa Lombarda

E’ il momento della verità per Circolo Tennis Massa Lombarda e Sporting Club Sassuolo. In una caldissima domenica di inizio agosto vanno in scena infatti le sfide decisive per la permanenza in serie A1 maschile, dopo che il primo atto dei play-out ha visto il team romagnolo e quello emiliano pareggiare per 3-3 rispettivamente contro la Società Ginnastica Angiulli Bari e in trasferta al Circolo Tennis Palermo.

MASSA LOMBARDA PUNTA SUL GRUPPO PER L’IMPRESA A BARI – La giovanissima formazione capitanata da Michele Montalbini – alla quinta avventura consecutiva nel massimo campionato – in terra pugliese è chiamata a piazzare il colpaccio salvezza dopo il pareggio con qualche rimpianto sui campi di via Fornace di Sopra. Considerando che per via dell’infortunio a Julian Ocleppo, difficilmente i protagonisti saranno differenti da quelli dell’andata il team targato Oremplast – la famiglia Pagani è da tempo partner del club della sua città in un progetto sportivo legato al territorio che ha pochi eguali nel panorama nazionale – per cercare di assicurarsi un posto tra le 16 compagini che disputeranno la serie A1 maschile nel 2021 dovrà provare a far girare in proprio favore i due incontri persi per un soffio, in particolare il singolare di Francesco Forti contro il croato Nino Serdarusic: il ragazzo di Cesenatico, che proprio domenica scorsa ha spento 21 candeline, piegando due settimane fa a Messina un certo Salvatore Caruso (n.100 del ranking mondiale) ha dimostrato di avere i pezzi per giocarsela anche con avversari più quotati e dunque il suo match potrebbe davvero essere determinante per spostare, fermo restando che Luciano Darderi e Lorenzo Rottoli confermino il risultato positivo dell’andata e che Samuele Ramazzotti continui ad essere un jolly prezioso.

C’è veramente un sostanziale equilibrio di valori fra noi e la squadra pugliese – riconosce Fulvio Campomori, presidente del Circolo Tennis Massa Lombarda – per cui basta pochissimo, anche solo poche palle, per cambiare l’inerzia della sfida. I ragazzi hanno dimostrato ancora una volta di essere un gruppo veramente compatto e prima di tutto formato da amici, che stanno bene insieme, non solo in campo. E con questo spirito e unione di intenti possiamo giocarci sino in fondo le nostre carte anche in Puglia per mettere a segno un’altra impresa sportiva dopo quelle degli anni passati”.

IL SASSUOLO “ALLA RAVENNATE” RICEVE CT PALERMO – Ha dalla sua il leggero vantaggio del fattore campo invece lo Sporting Club Sassuolo “alla ravennate” visto che ben tre atleti provengono dalla città bizantina. Enrico Dalla Valle, Michele Vianello (assente all’andata a Palermo), il giovane rampante Federico Bondioli e compagni, dopo aver terminato al terzo posto il gruppo 1 con 4 punti (successo d’esordio nella trasferta a Maglie e pareggio interno con il Selva Alta Vigevano, squadra detentrice dello scudetto, a cui è seguita la battuta d’arresto al Match Ball Siracusa), hanno impattato in terra siciliana, dove sono andati a segno in singolare proprio i ravennati Dalla Valle e Bondioli (fin qui davvero positivo il campionato del 15enne mancino, all’esordio in questa competizione), mentre a sorpresa è stato sconfitto lo spagnolo Roberto Carballes Baena nel derby con il connazionale Carlos Gomez Herrera. Un punto, quello dei numeri uno dei due team, che può far pendere la bilancia dalla parte del Sassuolo alla romagnola nella missione salvezza.

Serie A1 maschile: Sporting Club Sassuolo

La squadra di A1 dello Sporting Club Sassuolo con i ravennati Michele Vianello, Federico Bondioli ed Enrico Dalla Valle

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *